sabato 24 febbraio 2018

Costruite per durare: il segreto che permise alle strade romane di resistere al passaggio del tempo

I Romani erano famosi per essere grandi ingegneri e questo è evidente dalle molte strutture che hanno lasciato. Un particolare tipo di costruzione per cui i Romani erano famosi sono le loro strade. Furono queste strade, che i Romani chiamavano viae, a permettere loro di costruire e mantenere il loro Impero. Ma come hanno creato questa infrastruttura che ha resistito al passare del tempo meglio della maggior parte delle sue controparti moderne?


Strade di tutti i tipi
È stato calcolato che la rete di strade romane copriva una distanza di oltre 400.000 km, con oltre 120.000 km del tipo conosciuto come "strade pubbliche". Diramandosi nel vasto Impero Romano, dalla Gran Bretagna nel nord al Marocco nel sud, e dal Portogallo nell'ovest all'Iraq nell'Est, permisero alle persone e alle merci di viaggiare rapidamente da una parte all'altra dell'Impero.

I Romani classificarono le loro strade in diversi tipi. Il più importante di questi erano le viae publicae (strade pubbliche), seguite dalle viae militares (strade militari), poi l'actus (strade locali) e infine le privatee (strade private). Il primo di questi tipi era il più largo e poteva raggiungere i 12 metri di larghezza. Le strade militari venivano mantenute dall'esercito e le strade private erano costruite da singoli proprietari terrieri.

Costruire le strade per durare
Non esisteva una tecnica romana a "taglia unica" per costruire le strade. La loro costruzione variava a seconda del terreno e dei materiali di costruzione locali disponibili. Ad esempio, sono state necessarie diverse soluzioni per costruire strade su aree paludose e terreni ripidi. Tuttavia, ci sono alcune regole standard che sono state seguite.

Le strade romane erano costituite da tre strati: uno strato di base sul fondo, uno strato centrale e uno strato superficiale nella parte superiore. Lo strato di fondazione consisteva spesso in pietre o terra. Altri materiali usati per formare questo strato includevano: ghiaia grossa, mattoni frantumati, materiale argilloso e persino piloni di sostegno in legno quando le strade venivano costruite su aree paludose. Lo strato seguente era composto da materiali più morbidi come sabbia o ghiaia fine. Questo strato poteva essere formato da diversi strati successivi. Infine, la superficie veniva realizzata con la ghiaia, che a volte veniva mescolata con la calce. Per le aree più importanti, come quelle vicine alle città, le strade venivano rese più impressionanti dal fatto che lo strato superficiale è stato costruito utilizzando blocchi di pietra (il cui tipo dipendeva dal materiale locale disponibile e potevano essere costituite da tufo vulcanico, calcare, basalto, ecc.) o ciottoli. Il centro della strada era inclinato verso i lati per consentire all'acqua di defluire dalla superficie nei canali di drenaggio. Questi fossati servivano anche a definire la strada in aree dove i nemici potevano usare il terreno circostante per le imboscate.

Percorsi per il commercio e lo scambio culturale
Le strade giocarono un ruolo cruciale nell'Impero Romano. Per cominciare, le strade consentivano a persone e merci di spostarsi rapidamente attraverso l'Impero. Ad esempio, nel 9 aC, utilizzando queste strade, il futuro imperatore Tiberio fu in grado di percorrere quasi 350 km in 24 ore per essere al fianco del fratello morente, Druso. Ciò significava anche che le truppe romane potevano essere schierate rapidamente in varie parti dell'Impero in caso di emergenza, cioè rivolte interne o minacce esterne. Oltre a consentire all'esercito romano di sconfiggere i loro nemici, l'esistenza di queste strade ha anche ridotto la necessità di acquartierare guarnigioni grandi e costose in tutto l'Impero.

Oltre a servire a scopi militari, le strade costruite dai Romani consentivano scambi commerciali e culturali. La via Traiana Nova (conosciuta prima come via Regia), ad esempio, fu costruita su un'antica rotta commerciale che collegava l'Egitto e la Siria, e continuò a servire a questo scopo durante tutto il periodo Romano. Uno dei fattori che permise a tali strade di facilitare il commercio è il fatto che esse erano pattugliate dall'esercito romano, il che significava che i mercanti erano protetti da ladri e banditi. Un'altra funzione delle strade nel mondo romano è forse ideologica. Queste strade possono essere interpretate come un segno lasciato dai Romani nel paesaggio, a significare la loro conquista del terreno e della popolazione locale.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...