martedì 15 gennaio 2019

Il terzo occhio delle alghe


Proprio come le piante terrestri, le alghe usano la luce del sole come fonte di energia. Molte alghe verdi si muovono attivamente nell'acqua; possono avvicinarsi alla luce o allontanarsene. Per questo usano sensori speciali (fotorecettori) con i quali percepiscono la luce.

La ricerca decennale su questi sensori di luce ha portato a un primo successo nel 2002: Georg Nagel, all'epoca al Max-Planck-Institute of Biophysics di Francoforte / M, e collaboratori hanno scoperto e caratterizzato due cosiddette channelrhodopsins nelle alghe. Questi canali ionici assorbono la luce, quindi si aprono e trasportano gli ioni. Prendono il nome dai pigmenti visivi presenti in umani e animali, le rodopsine.

lunedì 14 gennaio 2019

Unità nella diversità: gli studi rivelano storie sorprendenti sui geni degli antichi indù e degli ebrei


Una nuova ricerca che usa il DNA antico sta riscrivendo la storia genetica di due antichi popoli; gli indù e gli ebrei - e mostra che le loro due civiltà religiose sono il risultato di antiche migrazioni etniche; nella Terra dell'India nel caso degli indù, e nelle comunità ebraiche della diaspora nel caso del popolo ebraico.

Prima gli indù. Secondo Tony Joseph, autore di "i primi indiani", i nazionalisti indù credono che la fonte della civiltà indiana fosse un gruppo di persone che si chiamavano Ariani - una tribù nomade di cavalieri, guerrieri e pastori che composero il più antico testo religioso dell'Induismo, i Veda. Gli ariani, sostengono, sono originari della Terra di  India, diffondendo se stessi e la loro famiglia di lingue indoeuropee in vaste parti dell'Asia e dell'Europa.

venerdì 11 gennaio 2019

Un pigmento blu trovato su dei denti medievali rivela l'esistenza segreta di donne scriba


L'analisi dei denti umani è diventata sempre più importante nell'archeologia moderna. La recente scoperta di una serie di denti in un monastero tedesco sta rivoluzionando la nostra comprensione delle donne nella vita religiosa di circa nove secoli fa. Sta inoltre cambiando la nostra comprensione del ruolo delle monache nella produzione di manoscritti miniati, forse la più importante forma d'arte religiosa del Medioevo.

Un gruppo di esperti ha lavorato sul sito di un convento o monastero, in rovina da molto tempo, situato a Dalheim, in Germania. Questo sito fu occupato dal 10° al 14° secolo ma fu raso al suolo durante una guerra civile e non ne rimane nulla se non le sue fondamenta e un piccolo cimitero. Il monastero è "conosciuto solo per una manciata di frammenti di testo che lo citano di sfuggita", secondo la National Public Radio.

giovedì 10 gennaio 2019

La duplicazione genetica, nel passato, ha fornito alle erbe molteplici modi per calcolare l'inverno


Se avete coltivato carote nel vostro giardino e vi è capitato di non vederle fiorite, non incolpare la vostra mancanza di pollice verde.

Carote, barbabietole e molte altre piante non fioriranno fino a quando non avranno attraversato tutto l'inverno. Il freddo generalizzato dà loro il segnale di fiorire rapidamente una volta che arriva la primavera, fornendo alle piante un vantaggio nella gara per produrre semi.

mercoledì 9 gennaio 2019

La tomba che guarisce: il folclore irlandese comprovato - come il terreno della Tomba del Prete potrebbe essere la chiave per combattere i batteri resistenti ai farmaci


Tradizionalmente gli antichi rimedi popolari non vengono considerati seriamente da ricercatori, medici e professionisti del settore. Tuttavia, alcuni scienziati stanno riconsiderando questi antichi rimedi perché alcuni potrebbero essere la chiave per combattere malattie mortali e infezioni.
A Fermanagh, nell'Irlanda del Nord, ci sono buone speranze che un antico rimedio popolare possa aiutare nella battaglia contro batteri e virus resistenti ai farmaci.

La scoperta è stata fatta a Boho (contea di Fermanagh), un villaggio addormentato vicino al confine con la Repubblica d'Irlanda. Nel vecchio cimitero c'è la tomba del "Reverendo James McGirr, curato dal 1803" riporta la BBC. Era una figura rispettata nella comunità e sul letto di morte sosteneva che la terra dalla sua tomba avrebbe avuto poteri curativi. Nella località e anche oltre c'è un'antica convinzione che la terra dalla tomba di Padre McGirr possa guarire e che sia molto efficace contro le infezioni.

venerdì 30 novembre 2018

Tre scoperte mediche che possono essere ricondotte a un tragico incendio


Quattrocentonovantadue persone sono morte a causa di un terrificante incendio, un numero di morti senza precedenti che ha portato i medici a scoprire innovazioni senza precedenti.

Quando il fuoco cominciò a spazzare le piste da ballo e i bar della discoteca Cocoanut Grove, le uscite di emergenza furono bloccate (secondo alcuni resoconti, per evitare che gli avventori uscissero senza pagare il conto) e l'entrata principale, una porta girevole, si inceppò rapidamente. Era la ricetta per il disastro.

La discoteca Cocoanut Grove era una nota discoteca di Boston negli anni '30 e '40. La sua scomparsa, questo giorno nel 1942, rimane il più micidiale incendio notturno della storia americana. Parlando, di recente, al 75° anniversario della commemorazione dell'incendio a Boston, il sopravvissuto Marshall Cole, 91 anni, ha detto al pubblico che la tragedia non lo ha mai lasciato. "Da lì in poi, ogni volta che vado in un posto, cerco un'uscita", ha detto a Jordan Graham del Boston Herald.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...