martedì 5 dicembre 2017

Un verme non fa sesso da 18 milioni di anni

Strongyloides stercoralis larva.jpg
Public Domain, Link

Recentemente, i ricercatori hanno sequenziato il DNA di una specie di piccolo verme traslucido, scoprendo che non ha avuto rapporti sessuali per oltre 18 milioni di anni. Ed è sopravvissuto perfettamente, è quanto riporta Rae Ellen Bichell per NPR
La riproduzione sessuale si è evoluta più di un miliardo di anni fa sulla Terra e fornisce significativi benefici genetici ai molti animali che l'hanno adottata. Oltre ad aumentare il tasso di selezione naturale ed evoluzione, la riproduzione sessuale consente anche una facile miscelazione dei geni, che mantiene nel tempo le mutazioni casuali naturali che si verificano comunemente nel DNA. Questo accumulo di mutazioni può provocare una "fusione mutazionale" che può avere un impatto grave sulla salute e sulla sopravvivenza dei nascituri, scrive Bichell. (Un famoso esempio di questo fenomeno tra gli umani è il grave disturbo sofferto da alcuni faraoni egiziani a causa della consanguineità dei loro antenati).

Incapace di adattarsi rapidamente a queste mutazioni, molte specie asessuate finiscono spesso per estinguersi. Ma non tutti incontrano quel destino.

"È stato un mistero di lunga data in biologia come alcuni animali asessuati sono sopravvissuti per così tante generazioni", afferma in un comunicato il biologo David Fitch della New York University. Fitch è autore del nuovo studio pubblicato sulla rivista Current Biology che documenta un'eccezione a questa tendenza: il nematode Diploscapter pachys.

Questa creatura ha praticato esclusivamente la riproduzione asessuata da quando si è separata dalla sua specie madre circa 18 milioni di anni fa. I ricercatori si sono chiesti: in che modo questa creatura ha evitato l'accumulo di mutazioni genetiche? Si scopre che ha sviluppato un metodo per clonare quasi perfettamente se stessa.

"In qualche modo, il verme ha fuso le sei coppie di cromosomi dei suoi antenati in un paio di enormi cromosomi. Ha eliminato la fase importante della meiosi - la parte del processo riproduttivo in cui i cromosomi si rimescolano prima di dividersi in due cellule", scrive Bichell. Ciò significa che possono ancora copiare se stessi mantenendo una diversità genetica abbastanza elevata.

È una condizione insolita per le creature complesse, scrivono  i ricercatori nello studio. Solo due altri organismi sono noti per avere solo una coppia di cromosomi: il nematode Parascaris univalens e la formica Myrmecia croslandi.

Perché una creatura dovrebbe passare attraverso lo sforzo di creare un proprio metodo di riproduzione asessuale? Perchè il sesso è un processo biologico costoso, osserva Bichell. Gli organismi devono spendere tempo ed energie nelle competizioni per i compagni, e solo una metà della popolazione è effettivamente in grado di generare nuovi organismi, limitando la crescita potenziale di una specie. Nel frattempo, gli organismi asessuati possono concentrarsi solo sulla clonazione di se stessi, ottenendo circa il doppio del potenziale tasso di natalità degli organismi sessuali. Quindi questo è il percorso che D. pachys imboccò 18 milioni di anni fa.

D. pachys non è il solo a praticare tecniche di riproduzione insolite, comunque. Le salamandre unisessuali, ad esempio, rubano gli spermatozoi di altre specie correlate per aiutare a dare il via alla loro riproduzione per una ragione ancora sconosciuta. Nel frattempo, le femmine di diverse specie di squali possono riprodursi da sole conservando lo sperma per anni o addirittura copiando il proprio materiale genetico come il D. pachys. E le pulci d'acqua possono effettivamente passare dal riprodursi sessualmente alla riproduzione asessuale quando i tempi sono difficili.

Si scopre che gli umani sono piuttosto mansueti quando si tratta di riprodursi nel mondo animale.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...