venerdì 1 dicembre 2017

Nascite verginali: il drago di Komodo

Komodo dragon (Varanus komodoensis).jpg
By Charlesjsharp - Own work, from Sharp Photography, sharpphotography, CC BY-SA 4.0, Link

Forse le femmine potrebbero vivere senza maschi, almeno le femmine di drago di Komodo. Questi colossi del mondo dei rettili possono produrre piccoli anche senza fecondazione da parte di un maschio.

Al Chester Zoo di Londra, nel 2006, una femmina chiamata Flora ha dato alla luce otto piccoli, ognuno dei quali è il risultato di un processo chiamato partenogenesi, o concezione verginale.

La partenogenesi non era mai stata documentata prima nei draghi di Komodo.


Non è necessario lo sperma

Il fenomeno della partenogenesi, in cui un uovo non fecondato si sviluppa fino alla maturità, è stato trovato in 70 specie di vertebrati, tra cui serpenti in cattività e una specie di lucertola. Nella maggior parte di questi casi, questo processo è il loro unico metodo di riproduzione.

In alcune lucertole, i maschi sono diventati in qualche modo un accessorio, e tutti gli individui sono femmine. Il tipo di riproduzione asessuata in queste lucertole genera una prole tutta al femminile.

Il drago di Komodo, a quanto pare, può fare entrambe le cose: possono riprodursi sessualmente o asessualmente a seconda delle condizioni ambientali. Nella maggior parte degli zoo, le femmine vivono da sole e sono tenute separate dagli altri draghi.

Drago magico

Nel maggio 2006 Flora ha deposto 25 uova, di cui 11 vitali. I guardiani dello zoo sapevano che Flora aveva fatto sia da mamma che da papà non appena avevano avuto la conferma che le sue uova erano fertili. Questo perché Flora non era mai entrata in contatto con un drago maschio mentre era allo zoo.

Tre delle uova in via di sviluppo si sono rotte durante l'incubazione, fornendo materiale embrionale sul quale testare questa teoria. Lo staff dello zoo ha lavorato con Phillip Watts della Liverpool University per effettuare analisi genetiche delle uova rotte.

"Il test ha confermato che tutto il materiale genetico delle uova proveniva da Flora e che lei era davvero sia la madre che il padre delle uova in via di sviluppo".

Eccellente

Sia i maschi che le femmine eseguono la meiosi in cui delle cellule si dividono per formare le rispettive cellule sessuali: lo sperma o l'uovo. Nelle femmine, la meiosi produce quattro cellule progenitrici delle uova, una delle quali diventa l'uovo, mentre le altre tre vengono in genere riassorbite dal corpo della femmina. Per Flora, una delle cellule in più ha agito come spermatozoo surrogato e ha fecondato la cellula uovo, ha spiegato Buley.

La riproduzione con un solo genitore darà origine a una prole che possiede lo stesso materiale genetico della madre. I draghetti di Flora non sono suoi cloni, tuttavia, poiché durante la fase di produzione delle uova si verifica un mescolamento genetico, ha detto Buley.

Ad esempio, non tutte le copie dei geni sono identiche e ogni gene ha una forma alternativa. Se una persona ha nei suoi geni due "alleli" per i capelli biondi, mostrerà una testa di capelli dorati, ma se un allele era per il biondo e l'altro per il marrone scuro, la persona sarà bruna. Lo stesso processo di mescola è avvenuto nei piccoli del drago di Komodo.

Affari di famiglia

Con la capacità di riprodursi senza compagni di sesso maschile, le femmine di Komodo potrebbero potenzialmente generare una colonia completamente nuova da sole. "In teoria, una femmina di Komodo in natura potrebbe nuotare verso una nuova isola e poi deporre una fertile nidiata di uova", ha detto Buley.

Il rovescio della medaglia è che tutti i nascituri derivanti da questo tipo di partenogenesi saranno maschi. "Questi una volta cresciuti potrebbero accoppiarsi con la propria madre e quindi, entro una generazione, ci sarebbe potenzialmente una popolazione in grado di riprodursi normalmente sulla nuova isola", ha spiegato Buley.

Nel lungo periodo questa pratica simil sindrome di Edipo potrebbe portare a problemi di salute associati alla consanguineità, poiché l'intera colonia avrebbe una diversità genetica molto bassa.

I risultati hanno anche implicazioni per i programmi di riproduzione in cattività che sono nati per garantire la sopravvivenza di queste lucertole minacciate. Si ritiene che meno di 4.000 draghi di Komodo rimangano in libertà, risiedendo in sole tre isole in Indonesia.

Gli scienziati si chiedono se l'atto di tenere separati maschi e femmine possa farli passare dalla riproduzione sessuale a quella asessuata, il che potrebbe portare a una diminuzione della diversità genetica.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...