giovedì 30 novembre 2017

Dopo la morte, il cervello sa che si è morti, è quanto rivela uno studio


Vi siete mai chiesti cosa succede quando si muore?
Probabilmente avete sentito di persone che sono morte e che, tornate in vita, dicono di aver visto una luce alla fine di un tunnel.
O che fluttuavano sopra i loro corpi, osservando mentre i dottori lavoravano freneticamente per tenerli in vita.


Fino ad ora però non si sapeva se la mente continuasse a funzionare dopo la morte del corpo.
Proprio come nel remake dell'horror cult degli anni '90 "Flatliner", interpretato da Ellen Page, gli scienziati hanno scoperto che la coscienza di una persona continua a funzionare dopo la morte.

Nel film, un gruppo di giovani dottori conduce un pericoloso esperimento per vedere cosa succede nell'aldilà fermando a turno i loro cuori.

Il Dr. Sam Parnia e il suo team della Langone School of Medicine della New York University si sono fatti la stessa domanda.
Hanno deciso di trovare la risposta in un modo molto meno pericoloso, osservando studi effettuati in Europa e negli Stati Uniti su persone che hanno subito un arresto cardiaco e sono "tornate alla vita".

"Descrivevano se' stessi guardare medici e infermieri che lavoravano per salvaarli e dicevano di avere consapevolezza delle conversazioni, delle cose che stavano accadendo, che altrimenti non sarebbero state loro note", ha detto Parnia a Live Science.
I loro ricordi sono stati verificati dal personale medico che ha riferito che i loro pazienti potevano ricordare i dettagli.

La morte, in senso medico, avviene quando il cuore smette di battere e taglia il rifornimento di sangue al cervello. Ciò significa che anche le funzioni del cervello si fermano e non possono più mantenere in vita il corpo.

Parnia ha spiegato che la corteccia cerebrale del cervello - la cosiddetta "parte pensante" - rallenta istantaneamente quando il cuore smette di battere, il che significa che non ci sono onde cerebrali visibili su un monitor elettrico, entro 2 o 20 secondi. Questo alla fine porta alla morte del cervello.

Parnia e i suoi colleghi stanno anche osservando come il cervello reagisce durante un arresto cardiaco per determinare quanto di queste esperienze si riferiscano all'attività cerebrale.

"Allo stesso tempo, studiamo anche la mente umana e la coscienza nel contesto della morte, per capire se la coscienza viene annientata o se continua dopo che si è morti per un certo periodo di tempo - e come ciò sia collegato a ciò che accade all'interno del cervello in tempo reale".

Non è la prima volta che l'attività cerebrale dopo la morte viene registrata.
A marzo, i medici di una unità di terapia intensiva canadese hanno scoperto che una persona ha avuto un'attività cerebrale persistente per un massimo di 10 minuti dopo che erano state spente le macchine del supporto vitale, ma altri tre no.
Per più di 10 minuti dopo che i medici hanno dichiarato la persona clinicamente morta, onde cerebrali, come quelle che sperimentiamo nel sonno, hanno continuato a persistere.

I ricercatori hanno anche scoperto che l'esperienza della morte può essere molto diversa nei singoli pazienti. Ogni paziente ha registrato diversi risultati elettroencefalografici - l'attività elettrica nel cervello - sia prima che dopo la morte.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...