sabato 2 dicembre 2017

Le donne scienziate dimenticate che fuggirono dall'olocausto per andare negli Stati Uniti

Monumento all'Olocausto - panoramio.jpg
By tampe, CC BY-SA 3.0, Link

Nedda Friberti era una studiosa di matematica e fisico italiano che venne ridotta allo status di rifugiato nella seconda guerra mondiale. Fanny Shapiro arrivò in America dalla Lettonia, dove aveva studiato batteriologia fino a quando la guerra interruppe le sue ricerche. La microbiologa francese Marguerite Lwoff lavorava con suo marito, André Lwoff, anche se poi non ricevette il premio Nobel insieme a lui. Elizabeth Rona nacque in Ungheria e divenne un famoso chimico nucleare, ma fu costretta a fuggire dal suo paese nel 1940.

Tutte e quattro le donne hanno conseguito un dottorato di ricerca nei loro rispettivi campi, in un momento in cui essere una studentessa donna era incredibilmente difficile. Hanno anche affrontato l'ulteriore ostacolo di essere prese di mira dalle leggi antisemite che vennero promulgate in tutta Europa negli anni '30 e '40. E tutte e quattro le donne hanno fatto domanda - che fu negata - per l'assistenza dell'American Emergency Committee in Aid of Displaced Foreign Scholars.

Queste sono solo quattro storie su cui ha fatto luce il progetto Rediscovering the Refugee Scholars. Messo su da ricercatori della Northeastern University il progetto analizza i campi del giornalismo, degli studi ebraici, della storia e informatica, e cerca di fare luce sui viaggi faticosi degli studiosi che fuggirono dalle persecuzioni in Europa con la speranza di recarsi negli Stati Uniti con l'assistenza del Comitato di Emergenza. Il comitato, inizialmente guidato dal giornalista Edward R. Murrow, fungeva da intermediario tra università americane e studiosi europei in cerca di lavoro al di fuori dei loro paesi di origine. È stato fondato dalle fondazioni Rockefeller e Carnegie e ha ricevuto richieste da circa 6.000 studiosi. Di questi, solo 330 hanno ricevuto aiuti. Per quanto riguarda le 80 donne scienziate e matematiche identificate dalla squadra, solo quattro furono supportate dal comitato (anche se molti altri si sono fatti strada negli Stati Uniti e in altri paradisi sicuri).

Il progetto è nato in parte a causa delle domande senza risposta che la giornalista e professoressa Laurel Leff si era fatte durante le ricerche per il suo libro, 'Buried by the Times: The Holocaust and America’s Most Important Newspaper'. Una di quelle domande riguardava il modo in cui i profughi ebrei si recavano negli Stati Uniti, e il materiale d'archivio del Comitato di Emergenza era la risorsa perfetta per cercare risposte.

Assieme a colleghi e studenti armati di cellulari con fotocamera, un team di otto ricercatori si è riversato tra le risme di documenti ora archiviati presso la biblioteca pubblica di New York, scattando foto dei documenti e cercando di trasformare le informazioni in formato digitale. Per rendere questo compito erculeo più gestibile, i ricercatori si sono limitati ad analizzare le vicende di sole 80 donne scienziate e matematiche, e hanno escogitato alcune soluzioni intelligenti (incluso l'uso della longitudine e della latitudine per rilevare i punti geografici per creare le loro mappe online, infatti le città e a volte i paesi avevano cambiato nome dall'epoca della seconda guerra mondiale).

"C'è questa documentazione che è al tempo stesso molto ampia e anche molto elogiativa, secondo cui gli Stati Uniti hanno svolto questo ruolo incredibilmente importante nel salvare la civiltà occidentale portando qui [negli Stati Uniti] tutte queste persone", afferma Leff. "Mentre certamente molte persone sono sfuggite e sono state in grado di trasformare la cultura americana (penso ad Albert Einstein e Hannah Arendt), non erano tutti. È una versione soddisfatta della nostra storia."

***

Nell'aprile del 1933, il partito nazista approvò la sua prima importante legge per limitare i diritti dei cittadini ebrei. La legge per il ripristino del servizio civile professionale ha escluso gli ebrei e altri non ariani da varie professioni e organizzazioni, incluso il ruolo nelle università. Nuove leggi ridussero anche il numero di studenti ebrei e di coloro che potevano  praticare medicina o legge.

E poi c'era il problema di come i nazisti definivano l'ebraicità. Per il governo, non si trattava di essere un ebreo praticante. Tutto ciò che importava loro era la purezza del sangue, il che significava che avere tre o quattro antenati nati in una comunità religiosa ebraica era sufficiente perché la persona fosse considerata non ariana, e venisse perseguitata per questo.

Anche se alcuni studiosi furono in grado di aggrapparsi alle loro posizioni per alcuni anni dopo la legge del 1933 grazie al servizio prestato durante la prima guerra mondiale, alla fine tutti furono rimossi dalle università tedesche. "In alcune discipline e facoltà questo era un numero enorme di persone, un terzo di loro infatti era ebreo o di origine ebraica", afferma Leff. Basato su una ricerca dell'Institute for European Global Studies, la cifra comprendeva circa 12.000 individui istruiti rimossi dal loro lavoro in Germania.

Fu allora che il Emergency Committee in Aid of Displaced Foreign Scholars entrò in azione.

A quel tempo, gli Stati Uniti operavano in base all'Immigration Act del 1924. La legge negava l'ingresso a qualsiasi immigrato dall'Asia e poneva un limite annuale, o "quota" di 150.000 immigranti cui era consentito l'ingresso negli Stati Uniti. Tale numero era suddiviso tra i vari paesi in base al numero di abitanti, e ha avuto un grave effetto limitante sul numero di immigrati ebrei provenienti dall'Europa Orientale e Russia.

"Molte persone si faranno la domanda, 'Perché gli ebrei non se ne sono andati?'", dice il professore di storia della Northwestern University, Daniel Greene, che lavora anche come curatore di mostre presso l'Holocaust Memorial Museum degli Stati Uniti . "I progetti come questo rivelano che questa non è la domanda giusta da fare. Dovremmo chiederci: 'Perché è stato così difficile per le altre nazioni ammettere gli ebrei?'"

Ma la legge statunitense conteneva una disposizione particolare che si applicava ai professori e ai ministri: se potevano trovare lavoro presso le istituzioni americane, potevano emigrare senza passare attraverso il sistema delle quote. È stato questo aspetto della legge che il Comitato di Emergenza ha pianificato di sfruttare. Con l'aiuto della Fondazione Rockefeller, il Comitato di Emergenza iniziò a raccogliere curriculum da studiosi europei in cerca di lavoro negli Stati Uniti e cercò di collocarli nelle università americane.

Tuttavia, anche con l'aiuto del Comitato di Emergenza, per gli studiosi non era in alcun modo assicurato il lavoro. Delle 80 donne delle quali è stato attualmente stilato un profilo dal progetto Scholars Refugee, solo quattro hanno ricevuto sovvenzioni.

"Per ottenere un posto di lavoro in un'università americana, era davvero utile non essere ebreo", afferma Leff. Ciò non significava esattamente la stessa cosa che veniva fatta in Germania; poche istituzioni erano interessate ai legami di sangue. Ma alcuni, come l'Hamilton College nel nord dello stato di New York, dissero esplicitamente al Comitato di Emergenza che volevano un candidato ariano. E il Dartmouth College si è offerto di prendere qualcuno di etnia ebraica, ma quella persona "non dovrebbe sembrare troppo ebrea", dice Leff.

La sfida in più per le donne era trovare un'università che le assumesse per la ricerca. Era più facile trovare posizioni presso le università femminili, ma a volte ciò significava che le studiose altamente qualificate non avrebbero avuto accesso alla tecnologia di laboratorio a cui erano abituate. Molte delle studiose europee arrivarono negli Stati Uniti come domestiche, e a quel punto si rivolgevano al Comitato di Emergenza perchè le aiutasse a trovare lavoro nelle università piuttosto che come cuoche o fornitrici di servizi per l'infanzia.

Ma per le donne che tentavano di fuggire dall'Europa, non si trattava semplicemente di ottenere un lavoro nel loro campo; la posta in gioco era la vita o la morte. Leff cita la biologa Leonore Brecher come un esempio particolare. La ricercatrice rumena sviluppò la sua carriera studiando farfalle, passando dalla Romania a Vienna poi nel Regno Unito e tornando nel suo paese inseguendo la sua carriera. Ma dopo essere stata costretta a vivere in un quartiere ebraico, la Brecher fu successivamente arrestata e deportata.

"È semplicemente straziante. Una scienziata dedita ai suoi studi che viene macellata all'arrivo in questo centro di sterminio relativamente sconosciuto, fuori Minsk", afferma Leff. "Questa gente merita di raccontare anche le proprie storie, non solo i grandi scienziati che svilupparono la bomba atomica", come James Franck, un fisico tedesco che protestò contro il regime nazista e andò negli Stati Uniti, dove partecipò al Progetto Manhattan.

Alla fine, Leff e il team della Northeastern University vorrebbero digitalizzare tutte le migliaia di documenti attualmente archiviati in copie fisiche. Sperano che gli studiosi di vari settori si servano di queste informazioni e che spettatori casuali visitino il sito web del progetto per vedere le storie di questi individui.

Per Greene, che crede anche nell'importanza di conoscere i dettagli riguardanti i singoli individui nel mezzo della massa di dati sull'Olocausto, si ha un'altra lezione tratta da questa ricerca sull'atteggiamento degli Stati Uniti nei confronti dei rifugiati all'epoca. "Un modo per guardare la storia della storia americana è guardare gli ideali americani messi a confronto con la realtà sul campo", dice Greene. "Gli anni '30 furono un momento di crisi. C'era una paura pervasiva degli stranieri, generata come risultato di una profonda depressione. Spesso quando si hanno queste condizioni negli Stati Uniti, diventa più difficile vivere alcuni dei nostri ideali dichiarati sull'essere una nazione di immigrati o una terra di rifugio".

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...