mercoledì 29 novembre 2017

L'aumento delle disuguaglianze ha attraversato i millenni


I ricercatori della Washington State University e di altre 13 istituzioni hanno scoperto che l'arco della preistoria si piega verso l'ineguaglianza economica. Nel più ampio studio del suo genere, i ricercatori hanno visto le disparità nella quantità di ricchezza posseduta aumentare con la nascita dell'agricoltura, in particolare con l'addomesticamento di piante e animali di grandi dimensioni e una maggiore organizzazione sociale.
Le loro scoperte, pubblicate la settimana scorsa sulla rivista Nature, hanno profonde implicazioni per la società contemporanea, in quanto l'ineguaglianza porta ripetutamente a disordini sociali, persino al collasso, ha detto Tim Kohler, autore principale dello studio e professore di archeologia e antropologia evolutiva presso la Washington State University. Gli Stati Uniti, ha osservato, attualmente hanno uno dei più alti livelli di disuguaglianza nella storia del mondo.

"La disuguaglianza ha un sacco di effetti sottili e potenzialmente perniciosi sulle società", ha detto Kohler.

Lo studio ha raccolto dati da 63 siti archeologici o gruppi di siti. Confrontando le dimensioni delle abitazioni all'interno di ciascun sito, i ricercatori hanno assegnato coefficienti di Gini, misure comuni di disuguaglianza sviluppate più di un secolo fa dallo statista e sociologo italiano Corrado Gini. In teoria, un paese con completa uguaglianza di ricchezza avrebbe un coefficiente di Gini pari a .0, mentre un paese con tutta la ricchezza concentrata nelle mani di una sola famiglia otterrebbe .1.

I ricercatori hanno scoperto che le società di cacciatori-raccoglitori avevano tipicamente basse disparità di ricchezza, con un coefficiente di Gini di .17. La loro mobilità rendeva difficile accumulare ricchezza, per non parlare di trasmetterla alle generazioni successive. Gli orticoltori - piccoli agricoltori a bassa intensità - avevano un coefficiente di Gini di .27. Società agricole su scala più ampia avevano un coefficiente di Gini di .35.

Con sorpresa dei ricercatori, la disuguaglianza ha continuato a crescere nel Vecchio Mondo mentre era stabile nel Nuovo Mondo, ha detto Kohler. I ricercatori attribuiscono questo alla capacità delle società del Vecchio Mondo di "imbrigliare letteralmente i grandi mammiferi addomesticati come bovini e anche cavalli e bufali d'acqua", ha detto Kohler.

Gli animali da tiro, che non erano disponibili nel Nuovo Mondo, hanno permesso ai coltivatori più ricchi di aumentare la superficie dei loro possedimenti e di espandersi in nuove aree. Ciò ha aumentato la loro ricchezza creando alla fine una classe di contadini senza terra.

"Questi processi hanno aumentato l'ineguaglianza operando su entrambi i lati della distribuzione della ricchezza, accrescendo i possedimenti dei ricchi e diminuendo le riserve dei poveri", scrivono i ricercatori.

Il Vecchio Mondo vide anche l'arrivo della metallurgia e del bronzo e la crescita di un'élite di guerrieri che aumentò il coefficiente di Gini attraverso le grandi case e le conquiste territoriali.

I modelli dei ricercatori collocano i più alti coefficienti di Gini dell'antico Vecchio Mondo a .59, vicino a quello della Grecia contemporanea che è .56 e della Spagna che è .58. È ben lontano da quello della Cina che è .73 e dagli Stati Uniti che è .80, una cifra del 2000 citata in un documento su Nature. L'Allianz Global Wealth Report 2016 porta il coefficiente di Gini degli Stati Uniti a .81 e Kohler lo ha visto ancorato a .85, "che è probabilmente il più alto tasso di disuguaglianza nella ricchezza di qualunque altro paese sviluppato in questo momento."

Questo lo preoccupa per diverse ragioni.
Le società con un'elevata disuguaglianza hanno una bassa mobilità sociale. Kohler ha fatto riferimento a un articolo di Science di quest'anno che ha rilevato che i tassi di mobilità sono scesi dal 90% per i bambini nati negli Stati Uniti nel 1940 al 50% per i bambini nati negli anni '80. I risultati, hanno scritto i ricercatori, "implicano che rilanciare il 'sogno americano' di alti tassi di mobilità assoluta richiederebbe una crescita economica condivisa in modo più ampio attraverso la distribuzione del reddito".

Altri studi hanno scoperto che le società ineguali tendono ad avere una salute più precaria, mentre società più egualitarie hanno aspettative di vita più alte, fiducia e disponibilità ad aiutare gli altri, ha detto Kohler.

"Le persone devono essere consapevoli che la disuguaglianza può avere effetti deleteri sui risultati sanitari, sulla mobilità, sul grado di fiducia, sulla solidarietà sociale", ha detto. "Non stiamo aiutando noi stessi essendo così iniqui".

Diminuire le disuguaglianze è estremamente difficile e di solito avviene attraverso pestilenze, rivoluzioni, guerre di massa o il collasso dello stato, secondo The Great Leveler, un nuovo libro di Walter Scheidel della Stanford University. Lo stesso Kohler ha documentato quattro periodi di crescente disuguaglianza tra gli antichi abitanti del Pueblo del sud-ovest americano, tutti terminati con violenza e una conseguente maggiore uguaglianza. L'ultimo coincideva con il completo spopolamento dell'area di Mesa Verde.

"In ogni caso, non vediamo solo questo calo nei punteggi di Gini, ma vediamo anche un aumento della violenza che accompagna questo declino", ha detto Kohler. "Dovremmo essere preoccupati negli Stati Uniti, perchè se il coefficiente di Gini diventasse troppo alto, potremmo incoraggiare una rivoluzione, o potremmo incoraggiare il collasso dello stato: ci sono solo poche cose che diminuiscono drasticamente il coefficiente di Gini".

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...