lunedì 26 giugno 2017

Mummia a sangue freddo: come il clima caldo dell'India ha conservato un rettile


Un camaleonte assetato è morto durante la sua disperata ricerca di acqua e non può più essere di questo mondo, ma la sua mummia - naturalmente conservata dal clima caldo e tropicale dell'India - ha intrigato persone di tutto il mondo.

Questo include coloro che credono che sia una truffa.

Il povero camaleonte indiano (Chamaeleo zeylanicus) era probabilmente alla ricerca di acqua da un vecchio tubo che è asciutto ormai da anni, ha detto la regista e scrittrice Janaki Lenin, che ha trovato la povera creatura e ne ha pubblicato le foto su Twitter. L'animale stava ancora stringendo il tubo, anche nella morte.

"La tragica storia di un camaleonte", ha commentato Lenin il 18 giugno. "Probabilmente ricordava di aver bevuto acqua potabile da questo tubo un paio di anni fa, ma l'avevamo scollegato". (Lenin ha rimosso il tweet il 21 giugno)

Tuttavia, non tutti sono convinti che gli eventi si siano svolti così. È strano che il camaleonte morto stesse afferrando il tubo dell'acqua, ha detto Christopher Raxworthy, curatore responsabile del Dipartimento di Erpetologia presso l'American Museum of Natural History di New York City.

I camaleonti disidratati o deboli perdono la capacità di aggrapparsi e salire e cadono a terra quando sono vicini alla morte, ha detto Raxworthy a Live Science in una e-mail. "Ho il sospetto che qualcuno abbia messo il camaleonte secco sulla pompa come scherzo, o per mettersi in mostra", ha detto Raxworthy.

Ma Lenin difende la sua storia.

"La mia famiglia vive in una fattoria privata senza accesso agli estranei", ha detto Lenin a Live Science in una e-mail. "Nessuno dei locali tocca i camaleonti, perché pensano siano velenosi. Inoltre, mio ​​marito è un noto erpetologo e ha visto la sua bella serie di scherzi, [troppi] per essere ingannato da uno".

Il mistero della mummia
Se la storia di Lenin è legittima, è probabile che l'intenso sole e il caldo secco abbiano affrettato la mummificazione del camaleonte, ha dichiarato Alan Resetar, responsabile delle collezioni di anfibi e rettili presso il Field Museum of Natural History di Chicago che non era coinvolto nella scoperta del camaleonte.

"Anche il vento asciutto avrebbe contribuito all'essicazione, estraendo abbastanza rapidamente l'umidità dall'animale", ha detto Resetar a Live Science.

Durante l'esame della mummia, Lenin notò due piccoli fori nella sua pelle. Questi sono probabilmente stati causati dalle formiche che hanno mangiato gli organi del camaleonte, probabilmente accelerando il processo di mummificazione, secondo il National Geographic.

Nel momento in cui un organismo muore, i batteri che vivono nell'intestino della creatura si rivoltano contro di essa, accelerandone il decadimento, decomponendo i suoi tessuti molli. Ecco perché alcune antiche culture evisceravano i morti (rimuovendo i loro organi) in modo che gli individui potessero essere più facilmente mummificati, ha riportato Live Science in precedenza.

Le formiche avrebbero potuto similmente eviscerare il camaleonte, ma solo una necropia (un'autopsia animale) o una scansione di imaging medica potrebbero dirlo in modo sicuro, ha detto Resetar.

Tuttavia, gli animali e gli esseri umani che mantengono i loro organi interni possono mummificarsi ugualmente se il clima è abbastanza caldo e secco. Nel 2003, una rana "tigre africana" (Hoplobatrachus occipitalis) trovata in Niger vicino a un laghetto prosciugato si era naturalmente mummificata con tutti i suoi organi intatti, ha detto Resetar.

Inoltre, ha ricordato una strana esperienza avuta con delle mummie mentre stava lavorando per una compagnia di autotrasporti un'estate durante il periodo del college. Un giorno a Resetar è stato chiesto di controllare la parte posteriore di un camion che era rimasto fermo nello stesso posto per mesi, se non anni, ha detto.

"L'ho aperto e c'era una scatola di gattini mummificati all'interno del camion", ha detto Resetar. "La madre doveva essere fuggita o è rimasta chiusa fuori quando la porta del camion venne chiusa, intrappolando i gattini".

Il caldo intenso all'interno della cabina del camion - "era come un forno", ha detto Resetar, probabilmente ha giocato un ruolo nella morte dei gattini e ha facilitato la loro mummificazione.

"E' una storia triste" disse Resetar. "Il pensiero rimane con me ancora oggi anche se è successo 40 anni fa."

Anche se il ritrovamento di animali naturalmente mummificati non è un evento quotidiano, le esperienze di alte temperature sono sempre più comuni in quanto il cambiamento climatico riscalda varie parti del mondo. Le temperature più alte di quelle usuali possono uccidere gli animali, soprattutto quelli che sono ectothermi o a sangue freddo, secondo il National Geographic.

"Molti di questi rettili che vivono nel deserto o ai tropici, vivono in aree che sono già quasi al limite della sopravvivenza per questi animali, quindi anche un piccolo aumento della temperatura al di là di questo potrebbe spingerli ad uno stress piuttosto grande", ha dichiarato a National Geographic Jeanine Refsnider, un erpetologa dell'Università di Toledo in Ohio.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...