domenica 25 giugno 2017

I segreti dei veri teschi di cristallo


Nella maggior parte dei film di Indiana Jones, le storie di George Lucas implicano un misterioso artefatto a lungo perduto. In "I predatori dell'Arca perduta", era naturalmente l'Arca dell'Alleanza; In "Indiana Jones e l'ultima crociata", era il Santo Graal.

Nel film del 2008 Indy combatte dei minacciosi russi che sono sulle tracce dei teschi di cristallo che hanno la capacità di controllare le menti della gente. Tuttavia, mentre l'Arca dell'Alleanza e il Santo Graal sono dei miti, i teschi di cristallo sono manufatti realmente esistenti.

George Lucas disse nelle interviste dell'epoca che era stato affascinato dai crani di cristallo per molti anni. In questo articolo daremo uno sguardo ai veri teschi di cristallo che hanno ispirato l'ultima ricerca di Indiana Jones.

La mitologia

Ci sono molti teschi nel mondo scolpiti nel quarzo, di varie dimensioni e forme, anche se non tutti sono ricchi di miti e di romanticismo. Solo una manciata di quelli di più grandi dimensioni esistenti hanno ispirato paura e rispetto per generazioni.

Si dice che siano vecchi di centinaia di anni e probabilmente di origine maya o azteca.

I teschi sono davvero molto belli. Oltre ad essere reperti interessanti per via dell'arte dell'intaglio del cristallo, molti credono che i teschi abbiano abilità speciali, come la capacità di aiutare nell'uso delle capacità psichiche, la guarigione dei malati, o anche il potere di dare la morte.

Il Cranio di Mitchell-Hedges

Joe Nickell, nel suo libro "Adventures in Paranormal Investigation", discute su uno dei teschi di cristallo più conosciuti, il cosiddetto teschio Mitchell-Hedges. Venne probabilmente  scoperto negli anni '20 in una rovina Maya dell'America Centrale da un esploratore di nome F. A. Mitchell-Hedges.

Il cranio, un pezzo di quarzo trasparente impressionante di quasi 12 libbre (5,5 Kg), si diceva avesse il potere di uccidere: quando un sacerdote Maya conduceva i rituali arcani e focalizzava la sua concentrazione sulla potente reliquia, il cranio poteva uccidere chiunque al comando del sacerdote.

Seppur drammatica, la storia è altrettanto fittizia di qualsiasi sceneggiatura di Indiana Jones. La ricerca di Nickell ha rivelato che Mitchell-Hedges aveva mentito su dove e quando aveva trovato il cranio, lo aveva infatti acquistato da un collezionista molti anni dopo il periodo che sosteneva. Non c'è neanche alcuna prova che possieda poteri speciali.

La scienza

E che cosa dice la scienza sulle origini dei teschi? Dubbi circa le origini dei crani sono circolati per decenni. Nel 2005 un antropologo dello Smithsonian ha esaminato diversi teschi e ha scoperto che i segni sui cristalli dimostrano indubbiamente l'uso di tecniche moderne, e non antiche, di intaglio. Non solo i tagli furono fatti con moderne ruote lapidarie, ma i crani stessi erano stati lucidati con macchinari moderni.

Nickell, esperto di teschi di cristallo, conclude che "nessuno dei teschi famosi sembra essere pre-colombiano, infatti, tutti possono essere ricondotti a falsi europei".

Con una tale mole di dati, è chiaro il motivo per cui coloro che possiedono dei teschi di cristallo spesso rifiutano di farli studiare scientificamente. È meglio conservare l'aura di mistero (se non magica) intorno ai teschi piuttosto che ottenere una risposta definitiva (ma negativa). Inoltre, è più divertente chiedersi se il teschio sia stato usato secoli fa da un'antica civiltà che scoprire che è stato fatto cinquant'anni fa nel seminterrato di una carpenteria a Berlino.

Sebbene i teschi di cristallo apparentemente non dispongano di abilità soprannaturali - la guarigione, la morte, il controllo delle menti o altrimenti - hanno una qualità innegabile e collaudata: il potere di affascinare.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...