domenica 9 aprile 2017

Nascite verginali: uno squalo zebra ha avuto dei piccoli senza accoppiamento.


Certo, usualmente aveva un compagno al Reef HQ Aquarium di Townsville, Australia. La coppia aveva anche avuto diverse cucciolate prima di venire separati nel 2012.

Ma Leonie ha vissuto senza maschi negli ultimi anni, così i suoi custodi sono rimasti sorpresi quando dalle sue uova sono nati tre piccoli di squalo nel mese di aprile 2016. Leonie potrebbe essere il primo squalo mai osservato ad aver effettuato il passaggio dalla riproduzione sessuata alla riproduzione asessuata.


"Abbiamo pensato che potesse aver custodito dello sperma, ma quando abbiamo analizzato i piccoli e gli eventuali genitori utilizzando l'analisi del DNA, abbiamo scoperto che avevano solo il patrimonio genetico di Leonie", ha detto la biologa Christine Dudgeon della University of Queensland, che ha descritto il caso sulla rivista scientifica Scientific Reports Monday (16 gennaio).

La partenogenesi avviene quando gli embrioni si sviluppano e maturano senza fecondazione da parte dallo sperma di un maschio. Piuttosto, una cellula progenitrice, uovo, che di solito viene assorbita dal corpo della femmina si comporta come uno spermatozoo surrogato e va a "fertilizzare" un uovo. Questa strategia di riproduzione è più comune nelle piante e negli organismi invertebrati. Tuttavia, gli scienziati stanno documentando un numero crescente di specie di vertebrati che possono avere nascite verginali anche quando la loro specie si riproduce normalmente per via sessuale. Ad esempio, i draghi di Komodo, le più grandi lucertole del mondo, si riproducono anche per partenogenesi. Così come le vipere, gli squali pinna nera, polli e tacchini.

Nella maggior parte di questi casi di partenogenesi appena citati, le femmine erano rimaste in cattività e non avevano mai avuto alcuna esposizione a dei compagni maschi durante il loro primo periodo riproduttivo, hanno scritto Dudgeon e i suoi colleghi. Questo rende Leonie uno dei rari individui noti per avere avuto dei piccoli tramite riproduzione sessuale per poi passare alla riproduzione asessuale. (Gli scienziati hanno segnalato casi simili in un boa constrictor e un pipistrello).

"Leonie si è adattata alla sua situazione, e crediamo che abbia optato per questa soluzione perché aveva perso il suo compagno," ha detto Dudgeon in una dichiarazione. "Quello che vogliamo sapere è questo, 'Questo potrebbe verificarsi in natura?' e, in caso affermativo, 'Quanto spesso succede?' Un motivo per cui non abbiamo visto prima questo fenomeno potrebbe essere perché non siamo mai andati alla ricerca di esso. Potrebbe accadere in natura, ma non è mai stato registrato in questa specie prima".

Se la partenogenesi è un adattamento evolutivo che si manifesta in caso di mancanza di compagni adatti, potrebbe avere implicazioni per la sopravvivenza degli squali zebra. La specie, che si trova negli oceani Pacifico e Indiano occidentale, è elencata come specie in pericolo dall'Unione Internazionale per la Conservazione della Natura (IUCN) nella Lista Rossa delle specie minacciate.

Dudgeon prevede di monitorare i cuccioli di Leonie per scoprire se questi squali nati in maniera asessuata possono avere cuccioli a loro volta con un partner maschile.

"Si perde la diversità genetica con la generazione mediante riproduzione asessuata, quindi vedremo se questa prole può poi accoppiarsi sessualmente", ha detto Dudgeon.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...