sabato 8 aprile 2017

Che succede quando si muore?


C'è solo un gruppo di persone che sanno davvero cosa succede quando si muore: i morti. E dal momento che i morti non riveleranno i loro segreti tanto presto, tocca agli scienziati spiegare cosa succede quando una persona muore.

La morte, come la vita, è un processo, dicono gli scienziati. La prima fase di questo processo è nota come morte clinica. Dura da quattro a sei minuti ed inizia quando una persona smette di respirare e il suo cuore smette di pompare sangue. Durante questo periodo, ci può essere abbastanza ossigeno nel cervello perchè non si verifichino danni permanenti allo stesso. Altri organi, come i reni e gli occhi, rimangono vivi anche dopo la morte clinica.

Nella seconda fase della morte, conosciuta come morte biologica, le cellule del corpo cominciano a degenerare, e gli organi - compreso il cervello - collassano. I medici sono a volte in grado di rallentare la morte biologica inducendo ipotermia - il raffreddamento del corpo al di sotto della sua temperatura normale. Questo metodo può fermare la degenerazione delle cellule ed è stato utilizzato per rianimare pazienti in arresto cardiaco.

Queste fasi della morte sono ben comprese, ma ciò che resta inafferrabile è ciò che accade alla coscienza di una persona una volta che lui o lei è clinicamente e biologicamente morto. Per avere qualche informazione in merito a questo mistero, i ricercatori si rivolgono allo studio delle esperienze di pre-morte (NDE).

Secondo la Out-Of-Body Experience Research Center di Los Angeles, più di 8 milioni di americani hanno riferito esperienze di pre-morte, che si verificano quando una persona è clinicamente morta, vicina alla morte o in una situazione in cui la morte è probabile o prevista.

Molte persone che hanno avuto esperienze di pre-morte riportano sensazioni simili: sentirsi come se stessero galleggiando al di fuori dei loro corpi, come se si muovessero rapidamente attraverso un tunnel verso una luce o l'esperienza di vedere i propri cari defunti.

I ricercatori studiano continuamente le esperienze di pre-morte, nel tentativo di dare un senso ai processi biologici e neurologici che possono essere dietro tali eventi. Alcuni studi sostengono che le NDE sono solo un'altra forma di sogno lucido, mentre altri collegano queste esperienze alla deprivazione di ossigeno nel cervello.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...