sabato 29 aprile 2017

I virus sono vivi?


I virus sono infettivi, minuscoli e brutti. Ma sono vivi?

Non proprio, anche se dipende da ciò che si intende per "vivo" è ciò che hanno detto a Live Science due medici infettivologi.

Gli esseri viventi, come le piante e gli animali, contengono macchine cellulari che permettono loro di replicarsi automaticamente. Al contrario, i virus sono forme libere di DNA o RNA che non possono replicarsi da soli.

Piuttosto, i virus devono invadere un organismo vivente per replicarsi, ha detto il dottor Otto Yang, professore di medicina e microbiologia, immunologia e genetica molecolare presso la David Geffen School of Medicine dell'Università della California di Los Angeles.

"[I virus sono] RNA o DNA impacchettato", ha detto Yang a Live Science. "Fanno più copie di se stessi usando le macchine cellulari di altri organismi per replicarsi".

Ma sono vivi?
Numerosi filosofi e scienziati hanno discusso su come decidere se qualcosa è vivo. Secondo le sette caratteristiche della vita, tutti gli esseri viventi devono essere in grado di rispondere agli stimoli, crescere nel tempo, produrre prole, mantenere una temperatura corporea stabile, metabolizzare energia, consistere di una o più cellule e adattarsi al loro ambiente.

Tuttavia, alcune forme di vita non si adattano ad ogni singola caratteristica. La maggior parte degli animali ibridi, come i muli (un incrocio tra un asino e un cavallo), non possono riprodursi perché sono sterili. Inoltre, le rocce possono crescere, anche se in modo passivo, con nuovi materiali che scorrono su di esse. Ma questo problema di classificazione scompare quando si usa una più semplice definizione di "vita".

"Prendi un gatto, una pianta e una roccia e lasciali in un locale per giorni", ha detto Amesh Adalja, un medico infettivologo e ricercatore affiliato presso il Johns Hopkins Center for Health Security di Baltimora. "Tornate, e il gatto e la pianta saranno cambiati, ma la roccia sarà essenzialmente la stessa", ha detto.

Come una roccia, la maggior parte dei virus starebbe bene anche restando indefinitamente in una stanza, ha detto Adalja. Inoltre, egli ha osservato che gli esseri viventi svolgono azioni auto-generanti e autosufficienti, cioè possono cercare sostentamento e comportarsi in modo da salvaguardare se stessi. In altre parole, "intraprendono azioni per migliorare la loro vita, [come] una pianta che invia le sue radici per trovare acqua o un animale che cerca cibo", ha detto Adalja.

Qualcosa che non è vivo, come un virus, non svolge azioni auto-generanti o auto-sostenenti, ha detto.

"Non credo che i virus si possano qualificare come vivi, in sostanza sono inerti, a meno che non entrino in contatto con una cellula vivente", ha detto Adalja. "Ci sono alcune caratteristiche dei virus che li mettono al confine [della vita] - hanno materiale genetico: DNA o RNA. Non è la stessa cosa di una roccia, ma non è chiaramente neanche la stessa cosa dei batteri, in termini di azioni autosufficienti e auto-generanti".

Yang ha concordato dicendo: "Senza una cellula, un virus non può riprodursi. E da questo punto di vista, non è realmente vivo, se considerate la vita come qualcosa che può riprodursi autonomamente".

Tuttavia, "se semplifichiamo la definizione di vita a qualcosa che può fare copie di se stesso con un aiuto, allora potremmo definirlo vivo", ha detto Yang.

Si pensa che alcune delle prime forme di vita sulla Terra fossero molecole RNA, in quanto "le molecole RNA, nelle giuste condizioni, possono fare copie di se stesse", ha detto Yang. "I virus forse si sono evoluti da quegli antenati, ma hanno perso la capacità di replicarsi". 

Articolo originale
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...