venerdì 12 agosto 2016

L'udito ad ultrasuoni delle Balene ha una storia sorprendentemente antica, lo dimostrano antiche orecchie fossili.



Tutte le balene dentate viventi fanno affidamento sugli echi delle loro stesse voci per navigare e per la caccia subacquea, un'abilità che funziona meglio in combinazione con un udito sensibile alle alte frequenze. Ora, i ricercatori hanno riportato sul Cell Press journal Current Biology il 4 agosto, lo studio su uno degli esempi meglio conservati di orecchie di balena preistorica mai scoperto, ed hanno trovato che le capacità uditive ad alta frequenza delle balene sono emerse prima del previsto.

"Il nostro studio suggerisce che l'udito ad alta frequenza potrebbe essere stato preceduto dalla comparsa della ecolocalizzazione", dice Morgan Churchill del New York Institute of Technology di Old Westbury, New York.

Churchill e i suoi colleghi hanno fatto la loro scoperta studiando una nuova specie di balena fossile (Echovenator sandersi) i cui resti sono stati trovati in un canale di scolo in South Carolina. I ricercatori hanno fatto una TAC dell'orecchio fossile straordinariamente completo dell'antica balena e lo hanno confrontato con quelli di due ippopotami e 23 balene alcune fossili e alcune in vita. Tali analisi hanno permesso di scoprire molte caratteristiche presenti oggi nei delfini, che possono sentire le frequenze ultrasoniche.

L'anatomia dell'orecchio di Echovenator suggerisce che l'udito ad alta frequenza si è evoluto nelle prime fasi dell'evoluzione delle balene, circa 27 milioni di anni fa, e che i tratti associati a questa possibilità in realtà precedono l'emergere di balene dentate. Si suggerisce inoltre che gli antenati evolutivi delle balene dentate potevano sentire a frequenze più elevate rispetto ai loro parenti terrestri.

Churchill dice che l'orecchio interno di Echovenator è sorprendentemente simile a quello delle balene moderne. In realtà, solo un tratto di orecchio dell'antica balena era più simile alle balene primitive rispetto alle balene moderne, suggerendo una rapida evoluzione delle abilità uditive nelle prime balene.

Echovenator è notevole anche in altri modi, nota Churchill. Per esempio, l'antica balena era notevolmente più piccola rispetto ai suoi antenati, il che suggerisce un drastico e precoce cambiamento nella dimensione del corpo nell'evoluzione delle balene dentate che molto probabilmente ha influenzato una serie di variabili, dalle dimensioni del cervello all'ecologia.

Echovenator è solo una delle molte balene fossili del South Carolina che Churchill e colleghi stanno studiando. Questi fossili rappresentano alcuni dei primi antenati noti delle balene dentate. E questo significa che c'è molto di più da scoprire sull'evoluzione di intelligenza, dimensioni del corpo, ecologia, foraggiamento e la diversità nelle balene moderne.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...