venerdì 29 luglio 2016

L'analisi del DNA di uno scriciolo in Nuova Zelanda rimodella la teoria geologica


L'analisi del DNA di alcune specie estinte di misteriosi scriccioli della Nuova Zelanda potrebbe cambiare le teorie riguardanti il passato geologico ed evolutivo del paese.

Uno studio dell'Università di Adelaide riguardante gli scriccioli acanthisittid della Nuova Zelanda ha fornito prove convincenti che, contrariamente a quanto si pensava, la Nuova Zelanda non è rimasta  completamente sommersa dall'oceano nel periodo che va da circa 21 a 25 milioni di anni fa.

Gli scriccioli acanthisittid della Nuova Zelanda erano un gruppo di piccoli uccelli, spesso non in grado di volare, non presenti in nessun'altra parte del mondo. Essi sono chiamati scriccioli a causa della loro somiglianza nell'aspetto e nel comportamento ai "veri scriccioli", ma non appartengono alla stessa famiglia.

"Delle sette specie viventi prima che l'uomo arrivasse in Nuova Zelanda, solo due ora rimangono, il rock wren e il rifleman," dice l'autore Dr Kieren Mitchell, Postdoctoral Research Associate nell'University's Australian Centre for Ancient DNA (ACAD). "Di conseguenza, poco si sa circa la loro evoluzione."

Lo studio sul DNA di tre delle specie estinte di scriciolo insieme con quello delle due specie viventi è stato pubblicato sulla rivista Molecular Phylogenetics and Evolution and led dell'ACAD.

La ricerca è stata svolta in collaborazione con il Museum of New Zealand Te Papa Tongarewa, il Canterbury Museum e il New Zealand Department of Conservation.

"La cosa più sorprendentemente è stata che abbiamo scoperto che alcune delle specie di scicciolo erano solo lontanamente legate le une alle altre, potenzialmente hanno condiviso un antenato comune più di 25 milioni di anni fa", spiega Mitchell.

"In precedenza, i ricercatori pensavano che la Nuova Zelanda fosse rimasta completamente sommersa da 21 a 25 milioni di anni fa, il che implica che tutte le piante e gli animali unici della Nuova Zelanda dovevano essere immigrati ed essersi diversificati, più di recentemente."

"Questa teoria è coerente, per esempio, con ciò che è noto circa il Moa, le cui diverse specie hanno condiviso tutte un antenato comune molto più di recente rispetto a 21 milioni di anni fa."

"Ma le antiche divergenze che abbiamo trovato tra gli scriccioli suggeriscono che sono stati residenti in Nuova Zelanda per più di 25 milioni di anni, e forse per 50 milioni di anni (quando la Nuova Zelanda è rimasta scollegata dal resto del Gondwana)."

"Siccome gli scriccioli erano in gran parte degli scarsi volatori, o addirittura non volatori, qualche pezzo di terra deve essere rimasto emerso per tutto questo periodo."

"Questo ha importanti conseguenze per la nostra comprensione dell'evoluzione degli ecosistemi unici della Nuova Zelanda."

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...