martedì 13 marzo 2018

La collina delle croci: centinaia di migliaia di volte in cui la Lituania è rimasta in piedi

Le stime suggeriscono che centinaia di migliaia di croci si trovino attualmente sulla Collina delle croci in Lituania. Simbolo della sconfitta dei ribelli che hanno combattuto contro il dominio degli stranieri, la collina è stata fatta a pezzi dalle autorità, ma ricostruita da gente coraggiosa. Potrebbe essere considerata non solo uno spazio sacro, ma anche un simbolo dell'orgoglio lituano.

La Collina delle Croci (conosciuta anche come il tumulo di Jurgaiciai) è un situata nella parte settentrionale della Lituania, a circa 12 km a nord di Šiauliai (la quarta città più grande in Lituania), vicino al villaggio di Jurgaičiai. Dall'indipendenza della Lituania dalla Russia all'inizio del XX secolo, la Collina delle Croci è stata meta di pellegrinaggi. Sebbene questo sito sacro sia stato visitato da innumerevoli pellegrini nel corso dei decenni, il suo status è stato ulteriormente rafforzato nel 1993 in seguito alla visita di Papa Giovanni Paolo II.

Le prime croci sulla collina delle croci
Si ritiene che le prime croci sulla Collina delle Croci siano state erette poco dopo la Rivolta di novembre, che durò dal 1830 al 1831. Durante questo conflitto, la Lituania combatté l'Impero russo nel tentativo di ottenere l'indipendenza. Dopo aver represso questa ribellione, i russi vittoriosi proibirono ai parenti dei ribelli morti di onorare adeguatamente i loro cari.

A causa di ciò, la famiglia e gli amici di questi ribelli iniziarono a erigere croci sulla Collina delle Croci. Comunque sia, i primi riferimenti alla Collina delle croci in fonti scritte possono essere fatti risalire solo al 1850 circa.

Un'altra ribellione contro i russi, conosciuta come rivolta di gennaio, iniziò nel 1863 e terminò l'anno seguente. Anche se i ribelli furono di nuovo sconfitti nella loro lotta per l'indipendenza, ci fu un'impennata nella costruzione delle croci sulla Collina delle Croci. Una delle ragioni di ciò è la decisione delle autorità russe di vietare l'installazione di croci non solo sul lato delle strade, ma anche nei cimiteri.

Pertanto, i lituani decisero di installare croci sulla collina delle croci. Ancora più croci furono collocate sulla collina verso la fine del 19 ° secolo. I credenti dicono che un'apparizione della Vergine Maria e del bambino Gesù incoraggiarono le persone a installare croci su questo sacro tumulo.

Luogo proibito
Il 1940 ha visto l'inizio dell'occupazione della Lituania da parte dell'Unione Sovietica. I sovietici furono cacciati dal paese dalla Germania nazista l'anno seguente, sebbene tornarono nel 1944 e occuparono la Lituania fino al 1991. Durante l'era sovietica, l'installazione di croci fu proibita e la Collina delle Croci divenne un luogo proibito, poiché era considerato un'opposizione all'ideologia sovietica.

Nel 1961 le croci sulla collina furono distrutte dalle autorità. Quelle di legno furono bruciate, quelle di metallo sciolte e riutilizzate come rottami di metallo, e quelle di pietra e cemento schiacciate e utilizzate per la costruzione di strade. Questo atto di distruzione non solo non riuscì a schiacciare lo spirito dei lituani, ma rafforzò ulteriormente la loro determinazione, mentre cominciavano a ricostruire il loro spazio sacro sulla collina.

Nei decenni successivi, le autorità sovietiche cercarono nuovamente di distruggere la Collina delle Croci. Alcune delle tattiche erano dirette. Tra il 1973 e il 1975, ad esempio, circa mezzo milione di croci furono distrutte ogni anno. Furono anche impiegate tattiche sottili. Ad esempio, le croci vennero distrutte dal momento che non avevano alcun "valore artistico" e ai pellegrini era proibito visitare il sito a causa di alcune "epidemie". Tuttavia, queste azioni non servirono a nulla, poiché le croci vennero nascoste segretamente dai credenti durante la notte.

Un simbolo della Lituania
Con il crollo dell'Unione Sovietica nel 1991, la persecuzione si fermò e la Collina delle Croci divenne un simbolo della Lituania. Il 7 settembre 1993, il sito fu visitato da Papa Giovanni Paolo II. Questa visita del capo della Chiesa cattolica rese la località ancora più famosa sulla scena internazionale.

Inoltre, quando il pontefice visitò il monastero francescano sul Monte Verna in Italia nel 1994, incoraggiò l'ordine a costruire un monastero sulla Collina delle Croci. Questo venne fatto e fu realizzato un convento francescano consacrato nel 2000. Oggi i pellegrini continuano a visitare la Collina delle Croci, dove circa centomila croci sono stati collocate nei decenni dai pellegrini che visitano il sito.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...