giovedì 1 marzo 2018

Antica maledizione sessuale svelata

Le tavolette delle maledizioni nel mondo antico erano come i post di oggi - erano ovunque, create quasi da tutti, e possono essere trovate ancora oggi nei posti più strani.

Potevano essere genericamente vaghe o incredibilmente specifiche; potevano essere pilotate politicamente, economicamente o emotivamente. Potevano essere semplici richieste di vendetta o complesse strategie per infliggere dolore e sofferenza. Le tavolette di maledizione erano i libri neri dell'antica Grecia e Roma.
La "semplice" maledizione del pene
Uno di questi esempi di maledizione strettamente specifica è quella che è stata chiamata semplicemente la Maledizione del Pene e proveniva dal regno di Amathus a Cipro: "Possa il tuo pene ferire quando fai l'amore". In concomitanza con questa iscrizione che lascia poco all'immaginazione c'è l'immagine di un uomo che tiene in mano ciò che gli studiosi hanno affermato essere una clessidra.

Sebbene la ragione della maledizione e la scelta delle immagini debbano ancora essere accertate a causa della mancanza di ulteriori prove comprensibili, la posizione del ritrovamento sembra stranamente appropriata. Cipro, dove nel 2008 "gli archeologi hanno trovato una maledizione... su una tavoletta di piombo", datata vagamente al 7° secolo d.C., è stata a lungo associata a "vigorosi sforzi".

Uno dei culti primari dell'isola era quello di Afrodite/Venere, e la moglie di Dioniso/Bacco condivideva un culto particolare con Afrodite presso la stessa isola di Amathus. Prendendo in considerazione questi fattori, una maledizione del pene a Cipro sembra quasi preoccupante.

Ciò che appare insolito e interessante di questa tavoletta di maledizione potrebbe non essere la sua esistenza, ma la datazione che gli è stata attribuita. Il secolo in questione, 7° secolo dC, era un periodo che avrebbe dovuto coincidere con l'ascesa del cristianesimo a est. Le suddette maledizioni soprannaturali, non avrebbero più dovuto essere così comuni come lo erano durante il periodo della Grecia classica e i periodi successivi della Repubblica romana e dell'Impero precristiano.

Infatti, in relazione alla vita della città, fondata nel 1500 aC dai Fenici, il 7° secolo dC si avvicina alla fine del suo regno. La scoperta della tavoletta della maledizione del pene è una delle scoperte più interessanti dell'esistenza successiva di Amathus.

Maledizioni nella Grecia precristiana e a Roma
Lo studioso francese Pierre Aubert, che dirige la scuola archeologica di Atene, teorizza che l'artefatto potrebbe indicare l'esistenza di un culto della stregoneria presente ad Amathus o di un gruppo di pagani sopravvissuto. Amathus era definitivamente, indiscutibilmente cristiana nel settimo secolo, quindi l'ipotesi del professore non è improbabile.

Soprattutto perché molti siti antichi conservavano le loro radici pre-cristiane in qualche forma (sopravvissuti all'architettura, alla scultura, alle leggende orali, ecc.), si può facilmente immaginare quindi un amante tradito che tenta di invocare i vecchi dei perchè si occupino di un problema di cui il dio cristiano potrebbe non occuparsi.

La maledizione si adatta abbastanza bene alla cultura religiosa pre-cristiana dell'antica Grecia e di Roma. Le tavolette più antiche trovate finora risalgono al 5° secolo aC, anche se ci sono probabilmente dati ancora non scoperti più recenti. La Grecia era particolarmente conosciuta per questa tradizione, che trasmise poi alla cultura romana quando fu assorbita dalla Repubblica e dall'Impero; le prove abbondano ancora dalle province romane, soprattutto in Gran Bretagna.

Le tavolette di Maledizione erano, senza dubbio, abbastanza comuni. Potevano essere specifiche o vaghe a seconda di cosa decideva il maledicente, ed erano spesso inscritte con semplici richieste di morte o di vendetta anonima o con istruzioni specifiche (come visto con la suddetta Maledizione del Pene):

"Gaia, Hermes, Dei dell'oltretomba, ricevete Venusta, schiava di Rufus."
-Sofroniew, Getty


"Al dio Maglus do' il colpevole che ha rubato il mantello di Servandus. Silvester, Roimandus... che  distruggano prima del nono giorno, la persona che ha rubato il mantello di Servandus..."
-Ravilious, National Geographic

Gli dei invocati
La maggior parte delle antiche tavolette di maledizione greco/romane invocavano una divinità ctonia, come Persefone, Ade o Ermete, tuttavia era anche molto comune che dei di altre culture venissero invocati insieme o al posto di questi dei e dee.

Mentre le antiche civiltà interagivano l'una con l'altra, le divinità divennero piuttosto fluide e divinità come Osiride potevano essere facilmente invocate dagli Egiziani come da Greci o Romani.

Come mostra il secondo esempio qui sopra, è probabile che ci fosse anche una pletora di dei ora sconosciuta (Maglus) che si pensava che rispondessero a tali evocazioni.

Nell'antica Grecia, queste maledizioni erano scritte su fogli di piombo, con le istruzioni e le invocazioni graffiate sulla superficie. Ciò continuò nell'antica Roma, tuttavia ci sono anche prove di maledizioni incise su pergamene o sottili tavolette di cera infilate nelle fessure delle pareti esterne della casa della vittima.

Tuttavia, si riteneva che la vicinanza alla vittima assicurasse il successo della maledizione. Quando si trattava di una maledizione destinata a influenzare la sessualità di una persona, non era raro che gli dèi ctoni fossero evocati insieme a una divinità sessuale, Afrodite ed Eros erano piuttosto comuni, e anche Iside dal pantheon egiziano aveva una certa popolarità.

Un esempio di maledizione sessuale viene da un uomo di nome Pausania (che non era il Pausania degli storici) che voleva legare "una donna chiamata Sime" a se stesso, "chiedendo che non fosse messa in grado di eseguire un rito religioso ad Atena o avere Afrodite maldisposta nei suoi confronti... finché lei non lo avesse abbracciato".

Esther Eidinow (2007) propose una teoria riguardante la natura di questa maledizione: che Sime fosse probabilmente un'operatrice del sesso o una prostituta che Pausania desiderava avere solo per se stesso. Quindi, la negazione dei favori di Afrodite fino a quando Sime non fosse stata legata a Pausania avrebbe potuto essere un tentativo di "liberarla" dal business della prostituzione, quindi lui solo poteva possederla.

Un'importante maledizione
La scoperta della Maledizione del Pene ad Amathus è un'aggiunta eccitante all'attuale collezione di pillole malefiche del mondo antico. Un nuovo livello è stato introdotto alla linea di inchiesta dalla datazione al periodo cristiano della tavoletta, che potrà aiutare a migliorare le possibilità di trovare antiche tradizioni che aspettano di essere esplorate.

In quanto bell'esempio di una maledizione altamente specifica, la tavoletta della Maledizione del Pene deve essere ulteriormente esaminata (e i risultati di ulteriori esami devono ancora essere pubblicati), tuttavia la tavoletta ha trovato rapidamente il suo posto tra le maledizioni più apprezzate dagli studiosi delle antiche tradizioni.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...