martedì 31 ottobre 2017

Che tipo di musica amano gli animali?


Molti proprietari di animali domestici lasciano la radio di casa accesa tutto il giorno per il piacere dei loro cani e gatti. La scelta delle stazioni variano. "Abbiamo una tendenza molto umana a proiettare sui nostri animali domestici i nostri interessi e supponiamo che gradiranno quello che piace a noi", ha dichiarato Charles Snowdon, autorità sulle preferenze musicali degli animali. "La gente suppone che se gli piace Mozart, il loro cane gradirà Mozart. Se amano la musica rock, dicono che il cane preferisce il rock".



Andando contro la credenza convenzionale che la musica è un fenomeno univoco umano, recenti ricerche dimostrano che gli animali in realtà condividono il nostro stesso amore per essa. Ma Snowdon, uno psicologo animale presso l'Università del Wisconsin a Madison, ha scoperto che gli animali, piuttosto che apprezzare la musica classica o il rock, marciano al ritmo di un tamburo diverso. Essi apprezzano di ciò che egli chiama "musica specifica per specie": brani appositamente progettati utilizzando i campi, i toni e i tempi che sono familiari alla loro particolare specie.

Usando un gioco di parole, la musica è fatta di scale: gli umani amano la musica che rientra nella nostra gamma acustica e vocale, che usa toni che capiamo e che progrediscono ad un tempo simile a quello dei nostri battiti cardiaci. Una melodia troppo alta o bassa, suoni grigi o incomprensibili, e la musica troppo veloce o lenta è irriconoscibile come tale.

Per la maggior parte degli animali, la musica umana ricade nelle categorie incomprensibile e irriconoscibile. Con gamme vocali e frequenze cardiache molto diverse dalla nostra, gli animali semplicemente non sono cablati per apprezzare le canzoni adatte alle nostre orecchie. La maggior parte degli studi hanno scoperto che, anche se proviamo a far muovere a ritmo le loro zampe, gli animali in genere rispondono alla musica umana con una totale mancanza di interesse. Ecco perché Snowdon ha lavorato con il violoncellista e compositore David Teie per comporre della musica che è stata personalizzata per adattarsi agli animali.

Nel 2009, i ricercatori hanno composto due canzoni per tamarini, scimmie con vocalizazioni di tre ottave più alte della nostra e frequenza cardiaca due volte più veloce. Le canzoni sono acute e sgradevoli per noi, ma sembrano essere musica per le orecchie delle scimmie. La canzone è modellata sui toni delle scimmie eccitate e impostata su un tempo rapido e ha reso i tamarini visivamente agitati e attivi. Al contrario, si calmarono e divennero insolitamente sociali in risposta a una "ballata tamarina", che incorporava toni tipici delle scimmie felici e un ritmo più lento.

Snowdon e Teie hanno continuato gli esperimenti componendo musica per gatti, e studiando come rispondono ad essa.

"Abbiamo un lavoro in corso in cui abbiamo trasposto la musica e inserito nella gamma di frequenze per le vocalizzazioni dei gatti, e abbiamo utilizzato la loro frequenza cardiaca a riposo, che è più veloce della nostra", ha detto Snowdon a Life's Little Mysteries. "Abbiamo scoperto che i gatti preferiscono ascoltare la musica composta nelle loro frequenze e tempi piuttosto che in quelli della musica umana".

Sulla base dei loro risultati, Teie ha iniziato a commercializzare canzoni per gatto online (a 1,99 dollari per canzone) attraverso un'azienda chiamata "Music for Cats".

I cani sono un pubblico più duro, soprattutto perché le razze variano ampiamente in termini di dimensioni, gamma vocale e frequenza cardiaca. Tuttavia, i cani di grandi dimensioni come Labrador o Mastini hanno gamme vocali che sono molto simili a quelle degli umani maschi adulti. "Quindi, è possibile che essi potrebbero essere sensibili alla musica nella nostra gamma di frequenze. La mia previsione è che un cane grande potrebbe essere più sensibile alla musica umana di un cane più piccolo come un Chihuahua", ha detto Snowdon.

Infatti, alcuni cani sembrano rispondere emozionalmente alla musica umana. La ricerca guidata da Deborah Wells, psicologa della Queen's University di Belfast, mostra che i cani possono distinguere tra musica umana di diversi generi. "La nostra ricerca ha dimostrato che i cani si comportano in modo diverso in risposta a diversi tipi di musica, ad esempio mostrando comportamenti che suggeriscono rilassamento in risposta alla musica classica e comportamenti che suggeriscono agitazione in risposta alla musica heavy metal".

Considerando la grande richiesta di nuovi modi per far piacere ai nostri animali domestici, è probabile che ci saranno progressi nel campo della musica animale. Ma non importa quanto i compositori perfezionino le loro canzoni per cani, gatti e scimmie, gli animali probabilmente non apprezzeranno mai la loro musica specie-specifica tanto quanto gli umani apprezzano la propria. Secondo Snowdon, mancano di un'importante capacità musicale che noi possediamo: il passo relativo.

"Noi possiamo riconoscere che una sequenza di note è uguale se è nella chiave di fa o la bemolle", ha detto Snowdon. "Ho scoperto che gli animali hanno un passo assoluto molto buono, ma non hanno un passo relativo. Possono imparare a riconoscere una sequenza di note, ma se trasponi le note su un altro tasto, in modo che la sequenza utilizzi lo stesso range di note ma la chiave è diversa, non riescono più a riconoscere i rapporti tra le note."
Ha aggiunto: "A questo punto, è chiaro che comprendiamo la musica in modo diverso rispetto agli animali".

Fonte
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...