martedì 20 giugno 2017

Fu Hao - la donna che fu generale

https://it.wikipedia.org/wiki/Fu_Hao


Fu Hao (anno della morte circa 1.200 aC)

Secondo una biografia pubblicata nel 2002: Women in World History: A Biographical Encyclopedia (Yorkin Publications), Fu Hao fu la prima donna generale conosciuta della dinastia Shang e visse circa 3.000 anni fa, durante l'età del bronzo in Cina. Era la consorte dell'imperatore Wu Ding

Le sue imprese sono conservate in frammenti di testo incisi su ossa e gusci di tartarughe; un racconto, presente nella raccolta del Gulbenkian Museum of Oriental Art and Archaeology in Inghilterra, la descrive mentre guida i suoi 3.000 soldati in una campagna regionale.

Gli archeologi hanno appreso molte altre cose sul rango militare di Fu Hao e sulle sue prodezze quando hanno scavato la sua tomba vicino a Anyang, Cina, nel 1976. Più di 100 armi sono state trovate sepolte nella sua tomba, confermando il suo status di leader militare di alto rango. La sua tomba includeva anche migliaia di oggetti ornamentali e di vasi in bronzo, giada, ossa, opale e avorio, nonché i resti di 16 schiavi che erano stati sepolti vivi per servirla nell'aldilà.

Prima di questa ricerca, Fu Hao era a malapena conosciuta, il suo nome compariva su alcuni pezzi di ossa di bue o gusci di tartaruga risalenti al periodo Shang che venivano utilizzati nell'arte della "scapulimanzia" o arte della divinazione con le ossa.

Al momento della sua apertura, la tomba era intatta; dentro, oltre al sarcofago di Fu Hao, furono ritrovati i resti di 16 schiavi sepolti vivi con lei per servirla dopo la morte; circa 440 vasi di bronzo più piccoli, campane, specchi e armi; 560 fermagli per capelli e punte di freccia in osso; 700 pezzi di giada; oggetti di opale, avorio o di pietra in mezzo a pezzi di ceramica. Chiaramente quella di Fu Hao era una tomba di grande importanza. Il fatto che ad una donna fosse stata dedicata una simile tomba così elaborata nella Cina antica era inusuale di per sé. Molti dei vasi di bronzo, con inciso il suo nome, furono probabilmente usati per contenere le offerte fatte in suo onore al momento della sepoltura.

Le sculture in giada erano ricordi del passato neolitico della Cina, quando gli esseri umani dipendevano molto dagli animali per il cibo ed erano anche totem protettivi che rappresentavano gli dei della natura. Le figurine sono di draghi, aquile, elefanti e fenici, tutte figure zoomorfiche che hanno significato cosmologico. Inoltre c'erano parecchie rappresentazioni figurative umane, che descrivevano con cura le caratteristiche facciali e l'abito della classe superiore di Shang, che all'epoca deteneva il monopolio sulla tecnologia militare del bronzo.

Gli archeologi che hanno studiato il sito di sepoltura hanno concluso che Fu Hao fu la prima donna generale della Cina; il suo nome fu successivamente dimenticato dagli antichi classici scritti nei periodi successivi, a cominciare dal Zhou. Tra le iscrizioni trovate, alcune si riferiscono a Fu Hao come consorte reale, alcuni come leader militare con rango di generale e altri come vassallo feudale.

In una serie di divinazioni fatte in suo nome, le domande riguardavano il ​​parto, il successo dei riti religiosi e le imprese militari. Molti fatti sono conosciuti sulla venerabile Fu Hao, ma lei apparteneva ovviamente all'elite aristocratica; il suo nome è menzionato sulle ossa degli oracoli preparati da Wu Ding, il quarto re degli Shang per costruire la sua capitale a Anyang.

Secondo Hung-hsiang Chou, che ha scritto sul numero di aprile 1987 di Scientific American, "L'esempio di Lady Hao è solo uno degli affascinanti scorci della vita e delle attività del popolo Shang che le iscrizioni sulle ossa divinatorie ci permettono di conoscere, anche se queste vite sono separate da noi da tre millenni".

Fu Hao non fu l'unico militare e comandante donna della Cina durante il periodo Shang. Delle ossa divinatorie del periodo indicano il nome di più di 100 donne che furono attive in campagne militari. Ma la sua tomba ci ha permesso di conoscere molto anche degli altri comandanti donna.

Confrontando le iscrizioni sulle ossa divinatorie della dinastia Shang con quelle della dinastia Zhou di un'epoca più tarda, sembra che le donne aristocratiche Shang abbiano goduto di uno status molto più elevato rispetto alle donne Zhou, e ciò forse fu dovuto alla dottrina confuciana introdotta nella dinastia Zhou, che ha ridotto e subordinato lo status delle donne.

Secondo le iscrizioni sulle ossa divinatorie, è stato stimato che almeno 30 re abbiano governato durante la dinastia Shang, che sopravvisse dal 1766 al 1027 aC e che gli ultimi 14 governarono da Anyang, provincia di Henan. In questo periodo, durante l'età del bronzo della Cina, non c'era ancora la tradizione di nominare la moglie del re come regina, e a Fu Hao ci si riferiva sia come moglie che consorte.

Recenti scoperte hanno portato gli archeologi ad aumentare le stime dell'area geografica sotto il controllo della dinastia Shang ben oltre la zona del Fiume Giallo per includere Zhengzhou, che ora si pensa fosse la precedente capitale Shang. Artefatti simili a quelli di Zhengzhou sono stati trovati nella valle del fiume Yangtze e suggeriscono che il controllo di Shang potrebbe essersi esteso più a sud fino a Panlongcheng, Hubei.

Wu Ding era figlio di Di Xiao Yi e nipote di Di Xiao Xin. Tra i pochi fatti che conosciamo su Wu Ding e la sua consorte, vi è quello riguardante la morte di suo padre che costinse l'imperatore a un periodo di tre anni di lutto. Durante questo periodo, visitò il regno con Fu Hao, ispezionando i raccolti, valutando i sistemi di irrigazione e incontrando le persone a lui sottoposte.

Dovunque si recasse, la coppia convocava i funzionari locali che a loro volta organizzavano una riunione degli abitanti per al fine dell'analisi degli affari di interesse pubblico e privato.
In questo periodo, la dinastia Shang si trovò di fronte ad una crisi della produttività agricola e agli attacchi degli hsiung-nu, o "barbari", che erano in attesa di attraversare le frontiere del regno.

Durante uno degli incontri, uno schiavo di nome Fu Yue fu raccomandato al re dai funzionari locali per la sua intelligenza e la sua brillante capacità di costruire barriere di difesa.Wu Ding, desiderava portare quest'uomo di basso rango, ma molto dotato, a corte al suo servizio, ma temeva che i membri nobiliari della sua corte imperiale non lo accettassero in quanto schiavo. Così Wu Ding narrò la storia di un sogno che aveva avuto, in cui Dio (T'ien) lo aveva informato di un uomo chiamato Fu Yue, che viveva nella grotta di un saggio e che avrebbe salvato il paese. Wu Ding riferì le molte e grandi virtù e la sapiente conoscenza della politica del saggio Fu Yue, che poi si dimostrarono essere vere quando Fu Yue raggiunse la corte imperiale.

Durante il loro tour delle province, Wu Ding e Fu Hao avevano lasciato i loro affari in carica al cortigiano Tian Guan Qin; al loro ritorno assunsero nuovamente la carica personalmente, e chiamarono il saggio Fu Yue onorandolo con il titolo di "padre di un sogno". Quando una tribù ostile di invasori, chiamati Tu Fang, cominciò a minacciare il regno dal nord, Fu Yue preparò la difesa dei territori di Shang. Poi, mentre i due principali comandanti militari Shang erano lontani dalla capitale, uno spedito a sud-est e uno a sud-ovest, il nemico cominciò a minacciare i confini. Riconoscendo l'emergenza, Fu Hao si fece avanti, volontariamente, per condurre la campagna militare contro i Tu Fang. Nella sua giovinezza Fu Hao aveva ricevuto una formazione militare.

Durante il suo giro di tre anni in compagnia del marito, aveva acquisito una conoscenza di prima mano sulla geografia del territorio. E come regina è rimasta in contatto con le arti più sofisticate della guerra. Wu Ding capì le capacità di sua moglie e, dopo aver consultato Fu Yue, si convinse a concederle uno jue di bronzo, il simbolo che la autorizzava a condurre una campagna militare. Quando ad un divinatore venne chiesto di divinare se i presagi erano favorevoli, lui scrisse le domande su conchiglie di tartaruga che dettero risposta positiva e Fu Hao ebbe la benedizione per combattere.

Marciando verso il nord per affrontare i Tu Fang, Fu Hao conbattè alla testa delle sue truppe, curò i feriti fuori dal campo di battaglia e ispirò il morale. Gravemente sconfitti dalla sua leadership, i Tu Fang non avrebbero mai più sfidato il potere militare degli Shang.

La minaccia di guerra seguente proveniva dalla tribù di Qiang Fang, nel nord-ovest. Ancora una volta, a Fu Hao venne assegnato uno jue e una compagine militare e guidò le unità di cavalleria contro Qiang Fang. Dopo il suo ritorno alla capitale Anyang, seppure esausta, fu presto costretta a rispondere ad un'altra minaccia. Senza riposare, condusse una terza forza contro gli Yi Fang, che minacciavano il regno da sud-est e sud-ovest, e ancora una volta trionfò. Una quarta ed ultima campagna contro la tribù Ba Fung nel sud-ovest fece guadagnare a Fu Hao un'altra jue; questa volta condivise il comando dell'esercito col marito.
Con intelligenza, Wu Ding dispiegò le sue truppe in un attacco contro una tribù vicina alleata con il Ba Fung e, quando il Ba Fung si mossero per aiutarli, caddero in una trappola predisposta da Fu Hao. Con le forze Shang ancora vittoriose, Fu Hao venne celebrata come il leader militare più importante del paese.

Ma poco dopo il ritorno a Anyang, Fu Hao si ammalò per la stanchezza. Mentre era ancora debole, il suo unico figlio, Xiao Yi, morì, lasciandola profondamente depressa. Morì poco dopo. Lo jue, che la onorò in vita, venne messo nella tomba di questa straordinaria donna guerriera, commemorando le sue azioni, il suo coraggio e la sua abilità in ciò che ora è riconosciuto come uno degli artefatti più monumentali e illuminanti della cultura Shang.
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...