sabato 1 aprile 2017

Scoperta in Iraq antica tomba assira con 10 scheletri


Dei lavoratori edili hanno scoperto accidentalmente una tomba a volta risalente al tempo dell'impero Assiro, a Erbil, capitale del Kurdistan iracheno. Anche dieci scheletri sono stati trovati presso il sito.

All'interno della tomba, che è stata costruita con mattoni cotti, gli archeologi hanno scoperto tre sarcofagi in ceramica con all'interno due scheletri. Altri otto scheletri sono stati trovati a terra intorno alla tomba, ha raccontato Goran M. Amin, direttore del dipartimento di indagine presso la Direzione delle Antichità a Erbil, che guida il team che sta scavando la tomba.

La squadra inoltre ha "trovato più di 40 vasi intatti di diverse forme e dimensioni", ha detto Amin nei commenti che sono stati tradotti in inglese. Le scoperte sono state fatte nelle ultime settimane e non sono ancora state pubblicate su di una rivista scientifica.

La tomba risale al periodo neo-assiro, tra il IX e il VII secolo a.C. Durante questo periodo, gli Assiri controllavano un vasto impero che, al suo apice, si estendeva dal Golfo Persico all'Egitto.

Tombe simili a quella che si trova a Erbil sono state scoperte anche nelle capitali costruite dagli Assiri, come Nimrod, ha detto Dishad Marf Zamua, esperto di archeologia assira, che è docente presso la Salahaddin University di Erbil.

"Durante il periodo Assiro, queste tombe venivano costruite per la gente d'elite e i ricchi", ha detto Marf Zamua. "A volte le tombe venivano aperte diverse volte, quando si dovevano seppellire nuovi membri della famiglia defunti."

Arbela
Durante il periodo dell'impero assiro, Erbil era conosciuta come Arbela ed era una città importante per gli Assiri, ha detto Marf Zamua.

Arbela si trovava in una pianura fertile in una posizione strategica "ai piedi dei [Monti] Zagros, tra il ramo superiore e inferiore del fiume Zab", ha detto Marf Zamua, che ha fatto notare che la città conteneva il tempio principale di Ishtar, la dea assira della guerra. "Molti re assiri hanno pregato nel suo tempio prima di intraprendere le loro campagne militari contro le province orientali di Zagros ed Elam."

L'importanza del tempio era tale che nel corso del VII secolo a.C., "le regine assire durante la gravidanza rimanevano nel tempio di Ishtar [e] anche le sacerdotesse di Ishtar allattavano al seno i principi appena nati", ha detto Marf Zamua.

Arbela "e i suoi dintorni sono un'area importante per la comprensione della cultura e archeologia del cuore assiro", detto Marf Zamua. Erbil (l'antica Arbela) è stata difesa con successo contro lo Stato Islamico (noto anche come ISIS, ISIL o Daesh) e, come tale, non è stata saccheggiata o distrutta.

"Purtroppo, il recente saccheggio e le distruzioni nelle capitali assire Nimrod, Khorsabad e Ninive renderanno i futuri scavi archeologici in questa zona più difficili", ha detto Marf Zamua. "Pertanto, Arbela e i suoi dintorni saranno l'opzione migliore per gli specialisti in archeologia assira per conoscere meglio la storia dell'Assiria e anche dei contrafforti di Zagros."

Articolo originale
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...