sabato 11 febbraio 2017

Questa tomba greca di 3500 anni fa sta rivoluzionando ciò che pensavamo di conoscere sulle radici della civiltà occidentale


La recente scoperta della tomba di un antico soldato sta sfidando le conoscenze accettate tra gli archeologi.

Avevano scavato per giorni, riparati dal sole greco da un quadrato di telone verde appeso tra gli alberi di ulivo. Gli archeologi hanno utilizzato i picconi per rompere l'argilla color crema, cotta finchè è diventata dura come roccia, fino a raggiungere quello che all'inizio sembrava un gruppo di pietre appena visibili nella sporcizia e che poi si è rivelato essere quattro mura disposte in un rettangolo ordinato, che affondava nella terra. Come un osso animale che occasionalmente spunta dal terreno. La mattina del 28 maggio 2015, il sole ha lasciato il posto ad una pioggerella inopportuna. La coppia che doveva scavare quel giorno, Flint Dibble e Alison Fields, aspettò che la pioggia terminasse, poi si sono calati nel loro buco profondo e si sono rimessi al lavoro. Dibble guardò campi. "Deve accadere presto", ha detto.

La stagione non era iniziata bene. Gli archeologi erano parte di un gruppo di quasi tre dozzine di ricercatori che scavavano nei pressi dell'antico Palazzo di Nestore, su una collina nei pressi di Pylos, sulla costa sud-ovest della Grecia. Il palazzo era stato costruito nell'età del bronzo dai Micenei descritti negli epici racconti e poemi di Omero, ed è stato scavato nel 1930. I direttori degli scavi, Jack Davis e Sharon Stocker, marito e moglie, ma anche archeologi presso l'Università di Cincinnati, in Ohio, avevano sperato di scavare in un campo di ribes posto su un declivio appena sotto il palazzo, ma la burocrazia greca e uno sciopero degli avvocati impediva loro di ottenere i permessi necessari. Così si sono stabiliti, delusi, in un vicino uliveto. Hanno liberato la terra da erbacce e serpenti e selezionato alcuni punti da indagare, tra cui tre pietre che sembravano formare un angolo. Siccome il fosso intorno alle pietre affondava sempre, i ricercatori sono diventati ansiosi: Le dimensioni del pozzo di aerazione, due metri per un metro, suggeriva la presenza di una tomba, e le sepolture micenee sono famose per il loro contenuto incredibilmente ricco, in grado di rivelare molte cose sulla cultura che le ha prodotte. Tuttavia, non vi era alcuna prova che questa struttura fosse antica, hanno ricordato a se stessi gli archeologi, poteva essere semplicemente una piccola cantina o un vecchio capanno.

Dibble stava ripulendo una grande lastra di pietra dalla terra, quando il suo piccone ha colpito qualcosa di duro e la monotonia della creta fu rotta da un lampo vivido di verde: bronzo.

La coppia ha immediatamente messo giù i picconi, e dopo aver fatto una chiamata entusiasta a Davis e Stocker hanno cominciato a spazzare con cura il terreno e la polvere. Sapevano che stavano in piedi in cima a qualcosa di importante, ma anche allora non immaginavano quanto ricca si sarebbe rivelata la scoperta . "E' stato incredibile", dice la Stocker, una piccola donna sulla cinquantina con orecchini pendenti e gli occhi grigio-blu. "Le persone avevano camminato su questo campo per 3500 anni."

Nel corso dei seguenti sei mesi, gli archeologi hanno scoperto contenitori di bronzo, armi e armature, ma anche un sacco di oggetti ancora più preziosi, tra cui coppe d'oro e d'argento; centinaia di sfere di cornalina, ametista, ambra e oro; più di 50 sigilli in pietra finemente intagliati con immagini di dee, leoni e tori; e quattro splendidi anelli d'oro. Questa era davvero un'antica tomba, tra le più spettacolari scoperte archeologiche fatte in Grecia in più di mezzo secolo, i ricercatori sono stati i primi ad aprirla dal giorno in cui è stata completata.

"E' un'incredibile fortuna", dice John Bennet, direttore della British School di Atene. "Il fatto che non sia stata scoperta prima d'ora è stupefacente." Lo spettacolare ritrovamento di tesori inestimabili ha fatto notizia in tutto il mondo, ma ciò che intriga gli studiosi, dice Stocker, è il "quadro più ampio della situazione". La prima società organizzata greca risale ai Micenei, i cui regni sono esplosi dal nulla sul continente greco intorno al 1600 aC anche se sono scomparsi altrettanto drammaticamente poche centinaia di anni dopo, lasciando il posto a diversi secoli conosciuti come il Medioevo greco. Prima del sorgere della Grecia "classica" , i Micenei hanno sparso i semi delle nostre tradizioni comuni, tra cui l'arte e l'architettura, la lingua, la filosofia e la letteratura, anche la democrazia e la religione. "Questo è stato un momento cruciale per lo sviluppo di quella che sarebbe diventata la civiltà occidentale", spiega Stocker.

Eppure ben poco si sa delle origini della cultura micenea. La tomba di Pylos, con la sua ricchezza di oggetti funerari rimasti indisturbati e, sul fondo, uno scheletro in gran parte intatto, offre una finestra quasi senza precedentisu questo periodo, e ciò che rivela mette in discussione le nostre idee più elementari circa le radici della civiltà occidentale.
Nell'Iliade, Omero racconta di come Agamennone, re di Micene, condusse una flotta di mille navi per assediare la città di Troia. I classici greci (e Romani, che fanno risalire la loro origine all'eroe troiano Enea) hanno accettato le storie dell'Iliade e dell'Odissea come una parte delle loro storie nazionali, ma nei secoli successivi gli studiosi hanno insistito sul fatto che le epiche battaglie combattute tra i troiani e i regni micenei non erano altro che miti e fantasia romantica. Prima del VIII secolo aC, gli archeologi hanno sostenuto finora, le società sulla terraferma greca erano sparse e disorganizzate.

Alla fine del 19 ° secolo, un uomo d'affari di origine tedesca di nome Heinrich Schliemann era determinato a dimostrare il contrario. Ha usato gli indizi presenti nei poemi epici di Omero per individuare i resti di Troia, sepolti su una collina a Hissarlik in Turchia. Ha poi rivolto la sua attenzione alla Grecia continentale, nella speranza di trovare il palazzo di Agamennone. Vicino alle rovine delle grandi mura di Micene, nella penisola Argolid, Schliemann trovò un cerchio di tombe contenenti i resti di 19 uomini, donne e bambini, tutti grondanti oro e altre ricchezze. Non aveva trovato la tomba di Agamennone però, ma le sepolture erano vecchie di quasi 3.500 anni, datate a diversi secoli prima della battaglia di Troia, inoltre aveva portato alla luce una grande civiltà perduta, che ha definito micenea .

Omero descrive altri palazzi, anche, in particolare, quello di re Nestore, a Pylos. L'Iliade dice che Nestore aveva contribuito con 90 navi alla flotta di Agamennone, secondo solo al grande re in persona. Schliemann ha cercato invano il palazzo di Nestore; la Pylos moderna, era una città costiera sonnolenta situata nel sud-ovest del Peloponneso, non vi era alcuna traccia di architettura antica, a differenza di Micene. Ma nel 1920, un proprietario terriero ha notato dei vecchi blocchi di pietra vicino alla sommità di una collina nei pressi di Pylos, e Konstantinos Kourouniotis, direttore del Museo Archeologico Nazionale di Atene, ha invitato il suo amico e collaboratore Carl Blegen, dell'Università di Cincinnati, per indagare.

Blegen ha iniziato gli scavi nel mese di aprile del 1939. Al suo primo giorno, ha scoperto un tesoro di tavolette d'argilla, piene dei caratteri di una lingua illeggibile conosciuta come Lineare B, che era stata trovata anche a Creta, la più grande delle isole del Mar Egeo. Aveva scavato direttamente nella stanza dell'archivio del palazzo di re Nestore. Dopo la seconda guerra mondiale, Blegen ha continuato a scoprire una rete di sale e cortili che rivaleggia con il palazzo di Micene in termini di dimensioni ed ora il palazzo di Nestore è considerato il palazzo meglio conservato dell'età del bronzo sul continente greco, per non parlare di una notevole attrazione turistica.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...