martedì 7 febbraio 2017

I resti di una donna troiana di 800 anni fa documentano una precoce infezione puerperale


Nodosità batteriche sullo scheletro di una donna e il DNA prelevato dal suo feto mostrano che è probabilmente morta per un'infezione derivante dalla placenta.

Nel 2013, gli archeologi hanno scoperto il corpo di un contadina del 13° secolo in un cimitero fuori l'antica città di Troia nella Turchia occidentale. I suoi resti hanno messo in mostra dei noduli calcificati delle dimensioni di una fragola sotto le costole, e gli scienziati hanno assunto che erano segno di tubercolosi, una malattia comune per le persone della sua epoca.
Ora si è scoperto che si sbagliavano. L'analisi fisica e genetica dei noduli suggeriscono che erano probabilmente ascessi derivanti da una placenta infetta che l'ha portata alla morte, un ritrovamento estremamente raro da rinvenire in una documentazione fossile.

I risultati dello studio sono stati pubblicati recentemente sulla rivista eLife."Non ci sono altri dati come questo ritrovati prima," dice in un comunicato stampa Hendrik Poinar, della McMaster University del Canada che ha estratto il DNA. "Fino ad ora non avevamo trovato quasi nessuna prova derivante dai dati archeologici di ciò che la salute materna e la morte erano un tempo." lo stato di gravidanza della donna probabilmente ha contribuito a preservare il materiale genetico, scrive Meg Jones per il Milwaukee Journal Sentinel.

Il feto in via di sviluppo richiede un sacco di calcio, e i minerali aggiuntivi che scorrono attraverso il corpo della madre hanno calcificato i nodi di infezione, preservando molto più DNA di quanto previsto in un corpo vecchio di 800 anni, dice Caitlin Pepperell assistente professore di medicina e di microbiologia medica presso l'Università del Wisconsin, a Madison, che ha lavorato allo studio. "La calcificazione ha conservato piccoli pacchetti di DNA e lo ha trasportato attraverso un arco di tempo di 800 anni", dice Pepperell nel comunicato. "In questo caso, la quantità e l'integrità del DNA antico erano straordinari. Si ha in genere meno dell'un per cento del DNA dell'organismo bersaglio."

Identificare le infezioni, riferisce Jones, era qualcosa di simile ad un giallo medico. Dopo che l'archeologa Henrike Kiesewetter ha analizzato lo scheletro e i suoi nodi, ha deciso di inviare le piccole protuberanze ad un professore esperto della guerra di Troia. Egli ha poi contattato la Pepperell, che è un esperta in tubercolosi, e lei ha capito che l'antica infezione non era tubercolosi e decise di consultarsi con Poinar, un esperto nell'estrazione di antico DNA. Poinar fu in grado di estrarre con perizia il DNA di due patogeni, Staphylococcus saprophyticus e Gardnerella vaginalis, entrambi i quali causano infezioni del tratto urinario nelle donne.

Mentre il DNA della Gardnerella è rimasto più o meno invariato da quando la donna di Troia è stata infettata, ha riferito Sheryl Ubelacker al The Canadian Press, l'antico Staphylococcus saprophyticus è più simile ai ceppi moderni dei batteri che infettano principalmente le mucche. Nel comunicato stampa, Pepperell spiega che le persone che vivevano in prossimità di questi animali in passato probabilmente hanno sofferto di infezioni batteriche simili, come il loro bestiame. Appena gli esseri umani si sono allontanati dalla vita agricola, questi batteri hanno preso strade diverse.

"Il ritrovamento sembra indicare che i ceppi che causavano l'infezione nella città di Troia Bizantina si sono originati da un pool diverso da quello dei ceppi che causano l'infezione umana oggi," dice la Pepperell. "Forse se avessimo guardato in aree del mondo in cui le persone convivono con il proprio bestiame avremmo trovato un ceppo simile. Noi non lo sappiamo." Anche se la risoluzione di un mistero medico vecchio di 800 anni è interessante, Poinar riferisce che è più di una semplice curiosità. Esso potrebbe aiutare i ricercatori a capire come i batteri cambiano e si adattano e potrebbe portare allo sviluppo di nuove forme di antibiotici, dice Ubelacker. "E' come catturare l'evoluzione in atto in una forma fossile, fenomeno che si vede raramente.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...