domenica 31 luglio 2016

Gli alieni potrebbero invadere la Terra? E perchè?


La razza umana potrebbe essere devastata se gli alieni dovessero sapere della nostra esistenza e questo sarebbero un rischio per la Terra, ha avvertito lo scienziato britannico Stephen Hawking domenica.

Gli alieni ci hanno già ferocemente attaccato, selvaggiamente rapito, hanno spietatamente condotto esperimenti su di noi, e senza pietà rivolto i loro raggi della morte verso di noi, ma, naturalmente, tutti questi crimini sono stati commessi solo nei romanzi e film di fantascienza.

Altri esperti che, come Hawking, hanno dedicato la loro carriera all'esplorazione della possibilità di un contatto alieno dicono che non abbiamo nulla da temere.
"Nei film, gli alieni vengono qui solo per due ragioni," ha detto Seth Shostak, astronomo senior presso il Search for Extraterrestrial Intelligence (SETI)  a Life's Little Mysteries. "Vengono qui per trovare risorse che non hanno sul loro pianeta, o vogliono usarci per qualche esperimento di allevamento non autorizzato."

Questi scenari giocano sulle nostre paure più primordiali, come quella di perdere le risorse di cui abbiamo bisogno per sopravvivere o che non siamo in grado di riprodurre, dice Shostak.
In realtà, non è logico pensare che gli alieni potrebbero voler fare una di queste cose, sostiene Shostak. Il viaggio spaziale è costoso e richiede un enorme investimento.
"Tutto ciò che abbiamo qui, potrebbero trovarlo dove vivono", dice Shostak. Anche se ci fosse una risorsa sulla Terra che non esiste sul pianeta degli alieni, ci sarebbero certamente modi più semplici per ottenerla o costruirla che venire a prenderla qui.

Se una civiltà aliena è sufficientemente avanzata da impegnarsi in un viaggio interstellare, dovrebbe probabilmente anche avere macchine robotiche molto avanzate, afferma Shostak. Se volessero esplorare il nostro pianeta, sarebbero più propensi a inviare tali macchine qui che venire di persona.
 "Il primo contatto non sarà un portello che si apre e noi che intravediamo una strana, zampa aliena che esce", dice. "E' più probabile che sia un braccio robotico ad uscire."

Il contatto con gli alieni è estremamente improbabile, e su questo concorda David Morrison, direttore dello Space at NASA-Ames Research Center. Qualsiasi comunicazione che potrebbe verificarsi sarebbe probabilmente in forma di onde radio inviate da una civiltà all'altra.
"Stiamo ascoltando i segnali radio provenienti dallo spazio," dice Morrison, "E si può supporre che se riceveremo un segnale da qualche civiltà questa sarà più avanzati della nostra."

Possediamo la tecnologia per ascoltare e trasmettere onde radio solo dall'ultimo secolo, quindi, se un segnale radio alieno ci giungesse da un pianeta lontano centinaia o migliaia di anni luce, la civiltà che lo ha emesso sarebbe molto più avanzata della nostra.
Morrison dubita che una civiltà aliena avanzata verrebbe qui per farci del male.
"Qualcuno una volta ha suggerito che se una civiltà può durare per centinaia di migliaia di anni, quasi sicuramente ha risolto i problemi che abbiamo ancora noi. Mi auguro sia vero", ha detto Morrison.

Anche se gli alieni esistessero, sapessero di noi, e potessero viaggiare fin qui, non sarebbero in grado di inviare un esercito o le attrezzature necessarie per lanciare un attacco alla Terra, dice lo scrittore di fantascienza Jack McDevitt.
"Immaginate di mettere insieme una forza d'invasione, solo per ficcarla in piccoli contenitori e farla viaggiare per anni fin qui", ha detto McDevitt.

Anche se il contatto tra umani e alieni è stato una componente fondamentale di molti dei libri di McDevitt, lui non pensa che sia probabile che accada nella realtà. Ci vorrebbe una grande quantità di tempo per gli alieni per raggiungere la Terra, e ogni civiltà capace di questa impresa non vorrebbe delegare la sua forza di combattimento a questo compito.
Abbiamo problemi più grandi di cui preoccuparci, dice McDevitt.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...