martedì 9 dicembre 2014

Il genoma rivela come si sono evoluti i gatti per sopportare gli umani.


Migliaia di anni fa, un gatto selvatico ha fatto il primo passo soffermandosi ai confini di un villaggio umano, forse per mangiare i topi che vivevano nei granai della gente. Ora, miliardi di animali domestici e innumerevoli video di gatti più tardi, i ricercatori hanno messo in luce le radici genetiche della speciale relazione tra umani e gatti.

Un nuovo studio ripercorre i cambiamenti genetici che portano i gatti a raggomitolarsi sulle nostre ginocchia e a pretendere le coccole degli esseri umani e a fare le fusa per ringraziare. Molti dei cambiamenti hanno modificato la motivazione del gatto per cercare ricompense ed hanno diminuito la loro paura di fronte a nuove situazioni, ha detto il co-autore della ricerca Wesley Warren, genetista presso il Genome Institute, presso la Scuola di Medicina dell'Università di Washington a St. Louis.

I gatti e gli esseri umani si conoscono da sempre: alcuni studi suggeriscono che i gatti sono stati addomesticati circa 9.000 anni fa nel Vicino Oriente, mentre altri fanno risalire l'addomesticamento felino alla Cina di circa 5.000 anni fa. Per svelare i misteri dell'addomesticazione del gatto, gli scienziati hanno sequenziato il genoma di un gatto abissino chiamato Cannella nel 2007. Ma l'analisi non era completa.

Warren e i suoi colleghi hanno fatto una seconda sequenza del genoma di Cannella, confrontandolo con i genomi di diversi altri gatti domestici e di due specie di gatto selvatico, e poi li hanno confrontati con i genomi della tigre, del cane e di molti altri animali.

Nei gatti domestici, i geni legati alla motivazione e alla paura hanno affrontato una forte pressione evolutiva nel corso della storia, portando i gatti ad essere meno timidi e più motivati dalle ricompense.

I cani hanno molte più copie di geni per i recettori olfattivi rispetto ai gatti, il che spiega  probabilmente la superiorità del senso dell'olfatto nei cani. D'altra parte, i geni per la visione notturna e per l'acutezza uditiva nei felini sono stati sotto forte pressione selettiva - il che può spiegare perché i felini sono  cacciatori così esperti, ha precisato Warren.

I risultati contribuiranno a sostenere alcuni dei cambiamenti biologici associati alla domesticazione nei gatti.

"Lo studio è vasto, soprattutto quando si tratterà di definire i cambiamenti nel genoma che hanno portato all'addomesticamento, o più correttamente, all'adeguamento degli antenati dei gatti domestici, che ha permesso loro di consorziarsi con gli esseri umani, e quindi ottenere sia la protezione dai predatori che un ampia provvista alimentare (roditori)." Ha concluso Niels Pedersen, ricercatore veterinaria presso l'Università della California a Davisy, in una e-mail.

Fonte


Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...