martedì 20 febbraio 2018

Le piante colonizzarono la Terra 100 milioni di anni prima di quanto si pensasse

Per i primi quattro miliardi di anni della storia della Terra, i continenti del nostro pianeta sarebbero stati privi di ogni forma di vita eccetto i microbi.

Tutto questo è cambiato con la nascita delle piante terrestri e delle alghe di stagno loro parenti, che resero verdi i continenti e crearono habitat che gli animali avrebbero poi invaso.

Le tempistiche di questo evento si erano in precedenza basate sulle più antiche piante fossili che hanno circa 420 milioni di anni.

Una nuova ricerca, pubblicata oggi sulla rivista Proceedings of the National Academy of Sciences, indica che questi eventi si sono effettivamente verificati cento milioni di anni prima, cambiando la percezione dell'evoluzione della biosfera terrestre.

Le piante contribuiscono in modo determinante l'erosione chimica delle rocce continentali, un processo chiave nel ciclo del carbonio che regola l'atmosfera e il clima della Terra per milioni di anni.

Il team ha usato la metodologia dell'orologio molecolare, che ha unito le prove sulle differenze genetiche tra specie viventi e vincoli fossili sull'età dei loro antenati condivisi, per stabilire un calendario evolutivo che riempia le lacune nella documentazione fossile.

La dottoressa Jennifer Morris, della School of Earth Sciences dell'Università di Bristol e coautore dello studio, ha spiegato: "La diffusione globale delle piante e i loro adattamenti alla vita sulla terra ha portato ad un aumento dei tassi di corrosione atmosferica continentale che alla fine hanno portato a una drastica diminuzione dei livelli di anidride carbonica nell'atmosfera e al raffreddamento globale.
"I precedenti tentativi di creare modelli di questi cambiamenti nell'atmosfera hanno accettato il dati fossili delle piante al valore nominale - la nostra ricerca mostra che queste età fossili sottovalutano le origini delle piante terrestri, e quindi questi modelli devono essere rivisti".

Il coautore Mark Puttick ha descritto l'approccio del team per produrre la scala temporale. Ha detto: "I reperti fossili sono troppo scarsi e incompleti per essere una guida affidabile per datare l'origine delle piante terrestri, invece di fare affidamento solo sui reperti fossili, abbiamo usato l'approccio dell''orologio molecolare' per confrontare le differenze nella composizione genetica delle specie viventi - queste differenze genetiche relative sono state poi convertite in epoche usando le età fossili come un quadro flessibile.
"I nostri risultati mostrano che l'antenato comune delle piante terrestri era vivo nel medio periodo Cambriano, epoca che era simile all'età di origine dei primi animali terrestri conosciuti".

Una difficoltà nello studio è che le relazioni tra le prime piante terrestri non sono note. Pertanto il team, che comprende anche membri dell'università di Cardiff e del Museo di storia naturale di Londra, ha studiato se relazioni diverse avrebbero potuto cambiare il tempo di origine stimato per le piante terrestri.
I leader dello studio generale, il professor Philip Donoghue e Harald Schneider, hanno aggiunto: "Abbiamo usato diverse ipotesi sulle relazioni tra le piante terrestri e abbiamo scoperto che questo non ebbe alcun impatto sull'età delle prime piante terrestri.
"Qualunque tentativo futuro di creare modelli per i cambiamenti atmosferici nel tempo profondo deve includere l'intera gamma di incertezze che abbiamo usato qui".
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...