venerdì 23 giugno 2017

Il DNA di antichi gatti rivela dettagli sulla domesticazione


I moderni amanti dei gatti possono ringraziare i contadini dell'antica Anatolia nel Vicino Oriente per aver addomesticato i loro amici pelosi circa 10.000 anni fa, è quanto prova un nuovo studio.

La domesticazione del gatto è probabilmente iniziata quando queste palle di pelo sono state scoperte mentre cacciavano i roditori che stavano mangiando i cereali raccolti dai contadini neolitici. Gli agricoltori hanno accolto con favore questi cacciatori a quattro zampe, e alla fine hanno cominciato a contare su di loro per mantenere basso il numero dei roditori.

Questo momento topico è accaduto in quella che oggi è la Turchia moderna, e questi felini amichevoli si diffusero rapidamente in tutto il mondo antico poiché gli amanti dei gatti si spostarono fino allo stretto del Bosforo, in Europa.

Tuttavia i ricercatori hanno scoperto che fu solo nel Medioevo, dopo migliaia di anni di vita a fianco degli esseri umani, che alcuni gatti (Felis silvestris) svilupparono pellicce pezzate e non, fino al XIX secolo quando vennero allevati per sviluppare mantelli fantasia.

"Ciò suggerisce che per molto tempo i gatti non sono stati oggetto di una forte selezione attraverso l'allevamento e che le razze attuali, in particolare le razze più pregiate, sono per lo più un'invenzione moderna del XIX secolo", ha detto la ricercatrice associata allo studio, Eva-Maria Geigl, direttore di ricerca presso il French National Center for Scientific Research.

Gatti in viaggio

Gli archeologi pensavano fino a qualche tempo fa che fossero stati gli Egiziani a addomesticare i gatti circa 4.000 anni fa, ma questa teoria è cambiata nel 2004 quando i ricercatori hanno riferito del ritrovamento di resti di un gatto di 9.500 anni fa in una sepoltura umana a Cipro. Inoltre, nel 2013, un altro studio ha suggerito che la domesticazione del gatto ha avuto inizio 5.300 anni fa in Cina.

Il nuovo studio è il primo ad esaminare il DNA da un vasto numero di resti di gatti domestici, datati da 100 a 9.000 anni fa, ha detto Geigl, che è anche a capo di un gruppo presso l'Institute Jacques Monod, un centro di ricerca biologica a Parigi.

È quasi impossibile dire quale sia la differenza tra i gatti addomesticati e le cinque sottospecie note di gatto selvatico semplicemente guardando i loro resti scheletrici. Quindi, per arrivare alla base del mistero della domesticazione dei gatti, i ricercatori hanno analizzato il DNA dalle ossa, dai denti, dalla pelle e dai peli di più di 200 gatti che si trovano nei siti archeologici del Vicino Oriente, dell'Africa e dell'Europa.

"Il nostro gruppo ha inventato un nuovo metodo di codifica a barre che è molto sensibile ed efficiente e ci ha permesso di analizzare i molti campioni altamente degradati", ha detto Geigl a Live Science in una e-mail. (Nel metodo di codifica a barre, gli scienziati usano un breve tratto genetico di DNA per identificare una specie specifica.)

I risultati hanno rivelato che almeno una e forse due linee di gatti hanno portato ai mici moderni. I ricercatori hanno scoperto che una linea - Felis silvestris lybica, una sottospecie di gatti selvatici trovata nel Vicino Oriente, inclusa l'Anatolia - si è diffusa con gli esseri umani in quelli che ora sono i paesi europei di Bulgaria, già nel 4400 aC., e della Romania già nel 3200 aC..

"Il gatto, essendo un animale territoriale, non si muove molto da solo", ha detto Geigl. "I registri archeologici e storici ci dicono che probabilmente i gatti sono stati trasportati soprattutto dalle navi, dato che la diffusione è stata relativamente veloce".

Al contrario, gli egizi addomesticarono una linea di gatti africani, alcuni dei quali vennero mummificati. Questa linea egiziana si è diffusa in tutto il Mediterraneo lungo i percorsi commerciali durante il primo millennio aC, probabilmente quando i marinai presero i gatti a bordo per cacciare i topi.

Una volta che queste imbarcazioni attraccavano, questi felini egiziani scendevano e si accoppiano con i gatti locali, sia domestici che selvaggi, dando origine a gatti ibridi. Ad esempio, alcuni resti del gatto egiziano sono stati trovati nel porto commerciale vichingo di Ralswiek sul Mar Baltico del VII secolo dC, ha riferito Geigl.

"Tuttavia, non è ancora chiaro se il gatto domestico egiziano discenda dai gatti importati dal Vicino Oriente o se in Egitto ci sia stata una separata e seconda domesticazione", ha dichiarato  Claudio Ottoni paleogenetista alla Leuven University in Belgio. "Ulteriori ricerche dovranno dimostrarlo".

Mantelli pregiati

I gatti più antichi avevano il manto a strisce come i loro antenati selvatici, è quanto si è scoperto dalle analisi del DNA di una singola mutazione puntiforme (il cambiamento di una sola "lettera" del DNA) nei loro geni. Anche i dipinti murali egiziani descrivono i gatti con il manto a strisce, dicono i ricercatori.

"È interessante notare che l'iconografia egiziana rappresenta un'evoluzione del rapporto tra i gatti e gli esseri umani dalla terza alla seconda metà del secondo millennio aC", ha detto Geigl. "Nelle rappresentazioni iniziali il gatto è visto come un animale selvaggio e feroce che uccide il serpente che minacciò il dio di sole Ra; più tardi viene raffigurato come un animale che caccia uccelli nelle paludi insieme agli uomini, e poi è raffigurato accucciato sotto le sedie dei nobili".

I ricercatori hanno scoperto che nel Medio Evo, i gatti con mantelli maculati o pezzati sono diventati prevalenti.

"Abbiamo visto che la mutazione puntiforme indicativa del modello maculato è nata solo dopo il 13° secolo in Medio Oriente ed è diventata abituale nei secoli successivi", ha detto Geigl. "Questo significa che i gatti sono diventati compagni degli esseri umani senza grandi cambiamenti. Per lungo tempo, è stato un animale molto utile che eliminava i parassiti e gli animali velenosi e lo ha fatto naturalmente, senza che nessuno dovesse dirglielo o allevarlo per conseguire questo risultato. Divenne un animale domestico probabilmente molto più tardi".

Lo studio è stato pubblicato online il 19 giugno nella rivista Nature Ecology & Evolution.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...