venerdì 30 giugno 2017

Dei crani umani intagliati rivelano rituali cultici presso un sito misterioso in Turchia


I frammenti di tre teschi umani incisi sono stati scoperti in un misterioso sito rituale in Turchia.

Nessuno sa quali riti venissero eseguiti sul sito, che è stato costruito 11.000 anni fa durante l'età della pietra in un'impressionante dimostrazione di lavoro manuale: il sito è composto da diversi anelli di pietra, decorati con immagini elaborate di animali e punteggiati con pilastri alti fino a 13 piedi (4 metri). Non ci sono segni che qualcuno abbia vissuto sul sito, chiamato Göbekli Tepe, né ci sono segni di tombe formali. Ma gli archeologi hanno scoperto 691 frammenti ossei umani mescolati al suolo.

"È un posto fantastico", ha detto Julia Gresky, paleopatologa e bioarcheologa presso l'Istituto Archeologico tedesco di Berlino.

Ora, Göbekli Tepe è diventato un po' più fantastico con la scoperta di questi frammenti di crani incisi con linee lunghe e tracciate intenzionalmente dalla fronte alla parte posteriore della testa. Queste scoperte rivelano l'esistenza di un "culto del cranio" nell'antica Anatolia orientale, ha detto Gresky a Live Science. I contrassegni rituali su questi teschi sono diversi da quelli che si vedono in altre civiltà.

"Ho cercato di confrontare i dati con altre ricerche svolte su scheletri in altri siti, ma non c'era niente", ha detto Gresky.

Culti del cranio
I culti del teschio appaiono talvolta nella storia e sono in uso anche in alcune società tribali moderne. In queste culture, i teschi vengono tipicamente esumati poco dopo la sepoltura e privati delle parti molli. Talvolta vengono dipinti con gesso o incisi. A Cayönü Tepesi, un altro sito neolitico o dell'età della pietra, in Turchia, gli archeologi hanno scoperto un edificio che conteneva circa 70 teschi privi del corpo. Un altro sito dell'età della pietra chiamato Tell Qaramel nella Siria attuale conteneva scheletri umani con teste mancanti e segni di taglio che suggerivano che i teschi erano stati rimossi poco dopo la morte.

Göbekli Tepe è stato costruito in un periodo in cui i popoli dell'età della pietra nella regione stavano facendo la transizione dalla cultura di cacciatori-raccoglitori ad uno stile di vita più sedentario e agricolo. Gresky e i suoi colleghi hanno trovato i frammenti di cranio di Göbekli Tepe in una miscela sciolta di materiale di riempimento usato per riempire gli interstizi delle strutture circolari in pietra del sito. Il riempimento è costituito da terreno, pezzi di pietra, frammenti di ossa umane e frammenti di ossa animali, ha detto Gresky, e nessuno sa davvero come siano entrati nelle strutture del sito. Potrebbero essere state scavate dalla gente che frequentava il sito, che usò il materiale per riempire le strutture destinate ai defunti. Oppure, avrebbe potuto semplicemente essere percolato  nel corso degli anni dagli edifici presenti sul suolo più in alto.

Tra il 2009 e il 2014, Gresky ha trovato sette frammenti di cranio con strani segni di intaglio. I sette frammenti appartengono a tre teschi. Tutti sembrano essere appartenuti ad adulti, ma i resti non sono abbastanza completi per dire molto circa l'età o il sesso degli individui.

Teschi decorati?
I segni presenti sui crani indicavano che erano stati ripuliti dalla carne e poi tagliati subito dopo la morte, è quello che Gresky e i suoi colleghi hanno riferito oggi (28 giugno) sulla rivista Science Advances. Le figure erano incise in profondità e correvano dalla fronte alla nuca passando dalla cima del cranio; alcuni frammenti conservavano incisioni laterali, situate sopra al luogo dove sarebbe stato l'orecchio. Un cranio aveva un segno di trapanazione del diametro di circa 0,2 pollici (5 millimetri) di diametro vicino al centro della testa. Questo stesso cranio mostrava anche tracce di ocra rossa, un pigmento naturale spesso trovato sui teschi neolitici utilizzati nei riti.

Le incisioni e la mancanza di altre decorazioni, come quelle in argilla, rendono i teschi di Göbekli Tepe differenti da tutti gli altri trovati prima, ha detto Gresky. Anche se le persone che hanno costruito Göbekli Tepe erano chiaramente artisti di talento che avrebbero potuto creare opere d'arte in pietra, le incisioni sul cranio sono grezze, ha detto Gresky. La loro rozzezza potrebbe indicare che furono, per qualche ragione, un modo per stigmatizzare la morte dell'individuo.

In alternativa, le incisioni avrebbero potuto essere un modo per decorare o mostrare i teschi. Le scanalature forse fornivano l'appoggio a delle corde, che potrebbero essere servite per fissare piume o altri ornamenti, ha detto Gresky. Oppure le corde avrebbero potuto essere utilizzate per appendere i teschi e tenere insieme le loro mascelle penzolanti impedendo loro di cadere. Il segno di trapanazione in uno dei frammenti è stato posizionato in modo tale che se un filo fosse stato infilato in esso, il cranio si poteva appendere verticalmente, ha detto Gresky.

Quanto al motivo per cui i neolitici erano così fissati coi teschi, rimane un mistero ancora più grande. Nella storia scritta, i culti dei crani si formavano di solito per uno dei seguenti motivi, ha dichiarato Gresky: alcuni gruppi mostravano i crani dei nemici morti; altri esumavano e decoravano i teschi come forma di culto degli antenati.

"Al momento non possiamo dire cosa sia più probabile" a Göbekli Tepe, ha detto Gresky. "Ci vorrà un po' di tempo e speriamo di trovare altri scheletri".

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...