domenica 2 aprile 2017

La mummia di un antico nobile scoperta lungo le rive del Nilo


Una tomba che conservava la mummia di Shemai, il fratello minore di un potente governatore, è stata scoperta nei pressi di Assuan, in Egitto, lungo il fiume Nilo. La struttura risale a più di 3.800 anni fa, dicono gli archeologi.

Circa 14 membri della famiglia allargata di Shemai sono stati trovati finora in Egitto. Con la recente ricerca si è scoperto che le donne hanno svolto un ruolo fondamentale in questa famiglia, in qualità di "portatori di legittimità," ha detto un egittologo.

La struttura della tomba ritrovata sembra contenere più sepolture, infatti gli archeologi hanno scoperto due bare, almeno una mummia, e dei modelli in legno di barche e persone. Inoltre, parte della struttura è stata depredata in tempi antichi e un'altra parte della tomba è ancora da scavare, ha detto Alejandro Jiménez-Serrano, un egittologo dell'Università di Jaen, in Spagna, che è il leader del team che ha scavato la tomba.

Un'iscrizione su una delle bare dice che conteneva la sepoltura di Shemai, che era fratello minore di Sarenput II, governatore di Elefantina e generale militare durante i regni del faraone Senwosret II (che regnò nel periodo 1887-1878 a.C.) e del faraone Senwosret III (che regnò nel periodo 1878-1840 a.C.).

La struttura della tomba è un mix di colonne, corridoi e camere, alcune delle quali erano state saccheggiate in tempi antichi e alcune dei quali non sono ancora state escavate. Qui, nei pressi di Assuan, il team mappa la struttura della tomba e la scava.

"Abbiamo trovato la mummia di Shemai, ma lo abbiamo lasciato nella sua posizione originale, nella sua bara. L'anno prossimo, avremo l'opportunità di guardarlo [in] faccia", ha detto Jiménez-Serrano a Live Scienze.

La struttura è stata trovata a Qubbet el-Hawa, che si traduce "Collina del Vento", ed era situata vicino al confine meridionale d'Egitto nei tempi antichi. Una necropoli per i nobili dell'antica città di Elefantina (sull'isola di Elefantina, sul fiume Nilo) che è stata eretta a Qubbet el-Hawa. Il corpo mummificato della seconda figlia di Sarenput II, Sattjeni, è stata trovato anch'essa nel sito.

Mentre sopravvivono testi storici che registrano la vita di Sarenput II, poche informazioni che riguardano Shemai sono sopravvissute. La scoperta è importante "non solo per la ricchezza della sepoltura, ma [anche perché] getta luce su quegli individui che vivevano all'ombra del potere", ha detto in un comunicato il Ministero delle Antichità egiziano.

Nel 2018, il team archeologico tornerà al sepolcro per continuare gli scavi e studiare le bare rimaste, ha detto Jiménez-Serrano aLive Science. Lui spera che la prossima stagione sarà fruttuosa di ulteriori informazioni su quale ruolo Shemai abbia svolto nella storia dell'Egitto.


Grande famiglia

Trovare così tanti membri di una famiglia presso lo stesso sito è stata una manna per gli archeologi: "Tale elevato numero di individui fornisce un'opportunità unica per studiare le condizioni [di vita] della classe alta della società in Egitto più di 3.800 anni fa", ha detto il ministero delle Antichità .

L'esame dei 14 membri della famiglia ha rivelato che, anche se la società dell'antico Egitto è spesso considerata come patriarcale (maschilista), le donne hanno avuto un ruolo importante in questa famiglia, ha detto Jiménez-Serrano.

"Dal mio punto di vista, il ritrovamento più interessante derivato dallo studio di questa famiglia è che le donne hanno svolto un ruolo fondamentale nella famiglia. Erano le portatrici di legittimità, che veniva da un antenato divinizzato. Quindi, avevano sangue divino nelle vene", ha detto Jiménez-Serrano.

Le analisi del DNA dei 14 membri della famiglia potrebbe rivelare una grande quantità di informazioni aggiuntive, ha detto Jiménez-Serrano, ma fino ad oggi, il ministero delle antichità egizie ha rifiutato di autorizzare tale studio.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...