domenica 19 febbraio 2017

Perchè gli antistaminici ci fanno venire sonno?


La sonnolenza è uno dei principali effetti collaterali di alcuni antistaminici, come la difenidramina (Benadryl) e il doxylamine succinato (l'antistaminico che si trova neln Nyquil). E a causa della loro potenti qualità sedative, gli antistaminici sono anche i principi attivi che si trovano in numerosi sonniferi.

Ma perché gli antistaminici provocano sonnolenza?
La storia inizia con le istamine, che sono composti chimici che svolgonouna serie di ruoli nel corpo, anche se sono meglio note per il loro coinvolgimento nelle risposte immunitarie locali.

Quando si viene feriti o il sistema immunitario rileva una sostanza estranea potenzialmente pericolosa, alcuni globuli bianchi e cellule del tessuto rilasciano istamina che cerca e si attacca alle altre cellule che hanno un recettore dell'istamina.

Qui, le istamine inducono una risposta infiammatoria - si dilatano i vasi sanguigni, aumentando il flusso di sangue al sito di lesione o di invasione. Rendono anche i vasi sanguigni più permeabili, permettendo a proteine ​​e globuli bianchi di penetrare nel tessuto danneggiato o infettato.

Ma ci sono effetti collaterali di questo processo di guarigione. Ad esempio, quando si sta combattendo un raffreddore (rhinovirus), le istamine allargano i vasi sanguigni nella cavità nasale, causando la congestione nasale.

Inoltre, la maggiore perdita di liquidi dai vasi sanguigni, in combinazione con un aumento della produzione di muco - causato anch'esso dalle istamine - può far colare il naso.

Le allergie si verificano quando il sistema immunitario pensa erroneamente che una sostanza estranea innocua, come il polline o i peli di animali domestici, sia in realtà pericolosa. Le istamine saltano all'azione, causando la gamma di sintomi associati con le allergie (starnuti, prurito agli occhi, congestione del torace, dispnea, ecc).

Gli antistaminici sono in genere utilizzati per alleviare i sintomi dell'allergia, e lavorare bloccando l'attaccamento delle istamine ai recettori, impedendo ai composti di svolgere le loro funzioni.

Ma i più vecchi, gli antistaminici di prima generazione, tra cui la difenidramina e doxylamine succinato, non discriminano tra quali i recettori dell'istamina bloccano.

Essi possono attraversare la barriera emato-encefalica e lì inibire una delle altre funzioni delle istamine - cioè, il ruolo fondamentale che svolgono nella regolazione del sonno e della veglia. Questa interruzione dell'azione delle istamine nel cervello provoca sonnolenza.

Gli antistaminici più recenti, come loratadina (Claritin) e fexofenadina (Allegra) causano meno sonnolenza degli antistaminici di prima generazione, ed è stato dimostrato in studi clinici. 

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...