mercoledì 17 agosto 2016

E' una buona idea gettare fuori casa i ragni?



Molte persone cercano un tessuto imbottito, una scopa o anche un aspirapolvere quando vedono un ragno in casa per eliminarlo. Ma alcune anime gentili intrappolano gli artropodi a otto zampe in un barattolo e li rilasciano fuori casa, in attesa che scappino via.

Ma questa ricollocazione all'esterno è un atto di compassione, o una condanna a morte per il ragno?

Dipende dalla specie di ragno, ha dichiarato Rod Crawford, curatore di aracnidi al Burke Museum of Natural History and Culture di Seattle.

Se il ragno è un nativo della zona, sarà probabilmente in grado di sopravvivere anche al di fuori della casa, ha detto Crawford. Ma se il ragno è un trapiantato che è diventato un ragno di casa - magari i suoi antenati avevano fatto il viaggio verso il "nuovo" luogo decenni o centinaia di anni fa - le probabilità sono che il ragno perirà fuori.

Questo perché la maggior parte dei ragni si sono adattati a luoghi e temperature specifiche.

"Il ragno casalingo americano (Parasteatoda Tepidariorum) [è] probabilmente originario della parte settentrionale del  Sudamerica", ha detto Crawford. "Vive senza dubbio bene all'aperto, se il cortile è in Brasile o in Guyana."

Anche le specie che si sono mosse da un clima simile sembrano avere problemi. Prendete il ragno gigante casalingo (Eratigena atrica), nativo dell'Inghilterra. Ha viaggiato verso ovest, quando gli inglesi si stabilirono in British Columbia e Canada e la specie poi si è fatta la strada a sud, ad esempio a Seattle.

Ora, E. atrica può essere trovato nelle case del nord-ovest degli Stati Uniti (tra cui la casa d'infanzia del reporter di Live Science). Ma la specie non è quasi mai stata trovata in esterno, anche se il clima di Seattle è abbastanza simile a quella di Londra.

"Si potrebbe pensare che potrebbe sopravvivere all'esterno, ma non lo abbiamo mai trovato nel habitat esterno, ma solo [in] habitat artificiali, come edifici, pali in mattoni e muri di sostegno", ha detto Crawford. "Quindi, essi sopravvivono in parte all'esterno degli edifici, ma sempre in un riparo artificiale".

Cosa fare

Se vedete un ragno zampettare nella vostra camera da letto, non schiacciatelo - ma non gettarlo nemmeno fuori. Invece, spostatelo in un'altra parte della vostra residenza dove non vi importa di avere ragni, come ad esempio il garage, suggerisce Crawford.

"La maggior parte dei ragni che si vedono in casa hanno popolazioni interne" composte da 50 a diverse centinaia di esemplari. Quindi uccidendone uno non vi sbarazzerete di tutti. Di solito vivono in angoli e fessure o in aree relativamente inutilizzate, quali spazi angusti e scantinati, e si impegnano a catturare piccoli insetti, come mosche e zanzare. Inoltre, è raro che i ragni mordano le persone, quindi non dovete preoccuparvi di morsi inaspettati, ha detto Crawford.

Se volete vedere un minor numero di ragni, per esempio, nella vostra camera da letto o in soggiorno, colmare le lacune e le crepe nella vostra dimora con mastice, stracci o guarnizioni.
"Anche un ragno relativamente grande può spremersi attraverso qualcosa di relativamente piccolo".

Eppure c'è un certo dibattito sulla questione dei ragni  da interno o da esterno.

"Alcuni ragni hanno scelto l'interno delle case perché è lì che preferiscono vivere", ha detto Rick Vetter, ricercatore associato in pensione di Entomologia presso la University of California, Riverside. "Tuttavia, un contrappeso a questo è: 'Bene, prima che stessero nelle case, dove vivevano questi ragni?'"
 
Vivevano fuori, sostiene Vetter .

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...