venerdì 22 luglio 2016

Questi sono alcuni dei modi più strani in cui i paleontologi hanno trovato dei fossili


A volte ci si fa sopra pipì, a volte si sta solo cercando di scappare da altri paleontologi. Ecco le storie di alcune scoperte che gli scienziati non vi racconteranno mai.

Non è possibile trovare un fossile senza rompere quanche roccia. Nel caso di un piccolo coccodrillo chiamato Hoplosuchus, è stata coinvolta la dinamite.

Quasi un secolo fa, lavorando sotto l'intenso caldo estivo dello Utah orientale, il paleontologo J. LeRoy Kay stava costruendo un percorso nel fitto letto di ossa lungo la parete rocciosa di quello che sarebbe diventato il Dinosaur National Monument. Suo cognato di 10 anni, Jesse York, era ansioso di aiutare, ma Kay era preoccupato perchè il ragazzo avrebbe potuto farsi male maneggiando le attrezzature pesanti utilizzate per scavare la pista nella pietra arenaria. Così Kay mise il giovane Jesse al lavoro su un progetto un po' speciale. Scavare un buco di brillamento nella roccia, in modo che alcuni candelotti di dinamite potessero essere eliminati.

Nessuno sa esattamente dove Jesse abbia scavato il buco. Ma dopo un po' è tornato a riferire che aveva completato la sua missione. Kay mantenne la sua promessa. Pezzi di roccia volarono in aria appena fece esplodere la piccola carica di dinamite, e quando la polvere si posò il gruppo di lavoro si avvicinò alla cava curiosando tra le macerie per vedere se l'esplosione aveva scoperto qualcosa di interessante. E lì, saltato fuori dall'arenaria del Giurassico, c'era parte di un piccolo scheletro di vertebrato.

Tutti gli altri lavori si fermarono. Per ore il team di campo ha scavato la parete della rupe alla ricerca di altri reperti. Alla fine qualcuno trovò un altro pezzo di roccia che si adattava perfettamente con la prima, e quando i due vennero accuratamente preparati al Carnegie Museum of Natural History di Pittsburgh, i paleontologi si resero conto di aver trovato il più bel piccolo scheletro mai scavato dalla prolifica Formazione Morrison. Hoplosuchus Kayi è lungo solo sette pollici (18 centimetri),  ed è una mezza calzetta rispetto a dinosauri come Stegosaurus e Apatosaurus a fianco dei quali viveva, e fino ad oggi è il solo campione conosciuto del suo genere. Tutto perché un paleontologo voleva tenere un ragazzino fuori dai piedi per alcuni minuti.

Il modo standard di ritrovare i fossili è stato lo stesso fin dagli albori della paleontologia. Dopo aver attentamente scavato strati della giusta età e tipo, i cacciatori di fossili li espongono, esplorano l'affioramento, e cercano di trovare la vena di fossili. Le piccole briciole di ossa sparse nei torrenti o che cadono dai pendii sono di solito la prima cosa che si trova, e se il cacciatore di fossili è fortunato sarà in grado di seguirli fino al punto in cui affiora un osso di un arto o qualche altro tesoro che stà sbirciando dalla roccia. Sarà allora che il vero lavoro di scavo partirà.

Parlate con un paleontologo per un certo periodo di tempo, però, e probabilmente si vedrete che ha una storia molto simile a quella di Kay da raccontare. Settimane di attenta ricerca possono portare a nulla mentre a volte solo la fortuna rivela ciò che è nascosto nella pietra.

Dopo una semplice scansione del terreno alla ricerca di frammenti fossili, andare in bagno sembra essere il modo più efficace per trovare nuovi siti fossili. Questo perché il semplice cercare un posto discreto a sufficienza per poter espletare un bisogno fisiologico porta spesso paleontologi e volontari in zone isolate che non verrebbero altrimenti analizzate. Nel 1999, per esempio, il paleontologo Jason Poole, della Academy of Natural Sciences della Drexel University, vagava tra le rocce vecchie di 150 milioni di anni del Montana quando ha dovuto fermarsi per una pausa pipì nel deserto. Ed è stato nel posto nel aveva deciso di fermarsi che ha notato un osso interessante spuntare della pietra grigia del Giurassico. Scavando sul posto, Poole e la sua squadra hanno trovarono quello che si rivelò essere un Allosaurus, ma, prima di scavare completamente le ossa fuori dal terreno, diede al dinosauro un soprannome per il modo in cui è stato trovato. In modo ufficioso questo carnivoro venne chiamato "Urinator Montanus."

Ma non sono solo i richiami della natura che possono portare i paleontologi a tracce fossili che non verrebbero mai scoperte altrimenti. Per la paleontologa Haley O'Brien dell'Oklahoma State University Center for Health Sciences, la necessità di allontanarsi da tutti gli altri ha portato ad alcune scoperte sorprendenti.

Mentre stava scavando in alcuni siti di mammiferi fossili in Africa orientale, O'Brien dice, "un giorno stavo proprio male per questioni ormonali e ho deciso che l'opzione migliore era di togliere tranquillamente il disturbo dallo scavo con il pretesto di effettuare una prospezione, così ho potuto riprendermi." Questa è una parte del lavoro sul campo di cui spesso non si parla. "Il tuo corpo non smette di funzionare quando si è sul campo, ormoni compresi," dice. Così O'Brien ha deciso di scomparire lungo un fiume tortuoso che si allontanava dallo scavo.

La geologia locale era perfetta per alleviare lo stress. "Facevo un giro per conto mio attorno a una curva del fiume vicino ad un affioramento che non aveva prodotto alcun fossile per anni e ho iniziato a raccogliere concrezioni delle dimensioni di un mezzo dollaro dalla parete per alleviare lo stress", spiega O'Brien. Dopo pochi minuti di questo esercizio, staccò un cranio di roditore intatto, e questo significava che avrebbe dovuto chiamare tutto il gruppo. O'Brien continuò a vagare, ma più staccava e buttava pietre più rivelava nuovi fossili, alcuni dei quali sono diventati campioni emblematici rappresentativi della loro specie. "E' stato come un giorno della marmotta, il migliore-peggiore giorno per il ritrovamento di fossili da sindrome pre-mestruale", dice O'Brien.

Esplosioni, andare in bagno, lo stress emotivo, sono solo alcuni dei modi in cui i paleontologi e gli altri cacciatori di fossili si sono imbattuti in reperti sorprendenti. I paleontologi hanno letteralmente inciampato nei fossili, si sono accidentalmente seduti su di loro, accampati su di essi, e inavvertitamente parcheggiato su di loro. Che questo sia un promemoria per tutti gli aspiranti cacciatori di ossa: l'abilità e la scienza sono certamente necessarie per circoscrivere dove cercare fossili, ma a volte l'ingrediente fondamentale nel fare una grande scoperta è la fortuna cieca.

Fonte
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...