sabato 21 ottobre 2017

I geni che provocano malattie coronariche influiscono positivamente sulla riproduzione


Alcuni ricercatori hanno scoperto che i geni per la malattia coronarica, CAD (Coronary Artery Disease), influenzano la riproduzione, per cui, riproducendosi con successo, anche i geni per le malattie cardiache verranno ereditati.

La cardiopatia, o CAD, è una condizione per cui delle placche si sviluppano gradualmente nelle arterie che alimentano il cuore ed è una delle principali cause di morte in tutto il mondo. Nuove ricerche hanno scoperto che i geni che causano questa malattia contribuiscono anche alla nascita di un maggior numero di bambini.



Un team internazionale condotto da ricercatori dell'Università di Melbourne e composto da scienziati provenienti dalla Finlandia e dagli Stati Uniti ha lavorato allo studio, che è stato pubblicato in PLOS Genetics.

L'autore principale dello studio, il Dr Sean Byars dell'Università di Melbourne dice che la squadra vuole capire meglio il meccanismo attraverso il quale la CAD è stata trasmessa per via ereditaria nel nostro passato evolutivo, per capire meglio perché è così comune oggi.

"La CAD è spesso considerata come una malattia moderna, ma in realtà è stata rilevata aterosclerosi o ispessimento delle pareti delle arterie, anche nelle mummie egiziane, per cui sospettiamo che sia stata nascosta nei nostri geni per migliaia di anni".

La CAD attualmente colpisce 110 milioni di persone e causa 8,9 milioni di morti ogni anno, sono dati del 2015.

"Secondo la teoria della selezione naturale, come proposta da Charles Darwin, i geni per i tratti che migliorano la sopravvivenza o la riproduzione individuale si riprodurranno e saranno mantenuti nella popolazione, mentre quelli che li riducono verranno selezionati e gradualmente rimossi o ridotti nel tempo.
"Quindi non è chiaro perché la CAD sia così comune negli esseri umani moderni e questo è importante da capire a causa dell'onere sanitario globale che rappresenta", spiega il dottor Byars.

Il team ha analizzato 56 regioni genetiche in 12 popolazioni in tutto il mondo originarie soprattutto dell'Africa, dell'Europa e dell'Asia orientale e ha utilizzato un punteggio statistico per misurare se c'erano recenti modifiche selettive al DNA associato alla CAD.

Il professor Michael Inouye, che ha anche condotto lo studio, ha affermato che i risultati mostrano che molti geni associati alla CAD sono stati effettivamente selezionati in modo positivo nell'evoluzione in corso.

"Dopo ulteriori ricerche, abbiamo scoperto che i geni della CAD sono importanti anche per la riproduzione e che questi geni sono coinvolti in importanti funzioni relative alla fertilità maschile e femminile che si esprimono nei testicoli, nelle ovaie e nell'endometrio," ha dichiarato il Prof Inouye, del Baker Heart e Diabete Institute.

Il Dr Byars ha aggiunto: "L'evoluzione sembra aver trovato un compromesso per cui la CAD inizia a comparire solo a circa 40-50 anni quando i potenziali effetti benefici di questi geni avranno già avuto luogo, il che tende a compensare tutti gli effetti negativi che questi geni hanno più tardi nella vita.
"Questo non significa necessariamente che le donne con molti bambini abbiano maggiori probabilità di sviluppare malattie cardiache, ma può significare semplicemente che la malattia è un sottoprodotto dell'essere umano che è in grado di riprodursi bene".

I risultati forniscono anche una panoramica su come la selezione dei geni della CAD differisce tra popolazioni e come queste popolazioni potrebbero rispondere in modo diverso alle stesse strategie di prevenzione delle malattie cardiache.

Il dottor Inouye dice che in definitiva questi risultati ci danno un'idea di quanto sia complicato il lavoro dei geni. Egli aggiunge che dobbiamo essere cauti con le nuove tecniche di editing genico come CRISPR, in quanto potrebbero essere introdotti effetti involontari che potrebbero non rivelarsi per decenni o più.

"È un po' come un palloncino, se spingi da un lato l'aria si sposterà in altri luoghi e se non sai che aspetto deve avere un palloncino, allora non sarai in grado di prevedere dove. I nostri genomi sono altrettanto complessi e dobbiamo saperne di più prima di leggerli, tanto meno riscriverli".

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...